DOMENICA 13 OTTOBRE 2019, 00:40, IN TERRIS

QUALIFICAZIONI EURO 2020

Italia-Grecia, 2-0 da record: Azzurri all'Europeo

Jorginho (rigore) e Bernardeschi piegano gli ellenici: qualificazione con tre turni di anticipo e primo posto matematico

MASSIMO CICCOGNANI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Italia-Grecia 2-0. L'esultanza del gruppo azzurro
Italia-Grecia 2-0. L'esultanza del gruppo azzurro
A

desso c'è anche la matematica, perché nella notte dell'Olimpico l'Italia batte anche la Grecia e vola alla fase finale di Euro 2020 con tre giornate di anticipo. Mai accaduto prima. Non bella, con addosso il peso della qualificazione ma alla fine vincente. La decidono nella ripresa i gol di Jorginho su calcio di rigore e Bernardeschi. Mancini si affida al consueto 4-3-3. Tra i pali c'è Donnarumma, D'Ambrosio e Spinazzola gli esterni, Bonucci e Acerbi i centrali di difesa. In mezzo spazio per Jorginho, Barella e Verratti, davanti il tridente composto da Ciro Immobile, Chiesa e Lorenzo Insigne. Van't Schip schiera invece la Grecia con un 4-3-1-2 molto difensivo visto che in fase di non possesso si trasforma in un 4-5-1.


Ritmi compassati

Sarà la tensione per il traguardo qualificazione vicino, ma l'Italia parte col freno a mano tirato. Ritmo bassissimo, altrettanta poca intensità, difficoltà azzurra (anche se stasera in maglia verde) ad imbastire l'azione attraverso i suoi canoni, fatti di velocità e di ritmo. Bene la Grecia, difesa ferrea, attenta, pochi spazi per gli avanti azzurri. Koubelis fa da diga davanti alla difesa greca, spazi ridotti per le percussioni azzurre. Venti e passa minuti di nulla, se non una ghiotta occasione per gli ellenici dopo una manciata di minuti con la velenosa conclusione di Koulouris che dalla destra fa partire una bordata cui si oppone di giustezza Donnarumma. L'Olimpico è tutto per gli azzurri, ma l'Italia fatica a rispondere presente. Passa quasi mezz'ora per vedere qualche trame degna di nota. Chiesa fatica a sfondare sulla destra, Immobile non trova la scelta giusta per colpire al cuore la retroguardia greca. Cresce l'Italia con più intensità nella parte discendente della prima frazione. Verratti si riprende in mano il centrocampo, Barella continua a dare segnali di profonda crescita, ma la vera spinta arriva dalla catena di sinistra grazie alle percussioni di Spinazzola e Insigne. Così arriva anche qualche occasione, prima con lo scugnizzo con una conclusione a giro alta, poi è sfortunato Barella su conclusione centrale dopo una bella percussione di Spinazzola. Poco prima dell'intervallo Mancini richiama in panchina l'evanescente Chiesa, toccato duro in un contatto, dentro Bernardeschi, mentre rimane in campo D'Ambrosio, toccato duro in avvio. Ma l'interista si riprende e rimane al suo posto.


Qualificazione record

Poca Italia, Grecia che fa il suo, ma il demerito è solo nostro. La Grecia si affida solo al controgioco e in fase di non possesso si chiude in un ermetico 4-5-1. Insigne controlla bene ma spreca tutto con una conclusione da dimenticare. Poi ancora Spinazzola, il migliore insieme a Verratti, pennella bene per Immobile che non ci arriva. In mezzo la Grecia, solo controgioco, come detto. Zeca ruba palla a Verratti innescando il contropiede ellenico, con Koulouris che a porta completamente spalancata manda fuori. Ma che brivido. E sul rovesciamento di fronte la sblocca l'Italia. Scambio in area Insigne-Verratti con lo scugnizzo che calcia a botta sicura. Sulla traiettoria Bouchalakis stoppa il pallone con il braccio e il russo Karasev non ha dubbi, calcio di rigore. Dal dischetto Jorginho, palla da una parte, portiere dall'altra. Italia finalmente avanti. L'Italia cerca il raddoppio per chiuderla, ma è la Grecia ad andare vicina al clamoroso pari, ma Bakasetas a due passi dalla porta, svirgola maldestramente il pallone che lo avrebbe consegnato alla storia. E dal possibile 1-1 al 2-0 il passo è brevissimo, giusto il tempo di rilanciare l'azione, con Bernardeschi che di sinistro calcia alle spalle del portiere greco. Partita in ghiaccio. Fuori Immobile, dentro Belotti ad una decina di minuti dalla fine e poi Zaniolo rileva Barella. E più nulla fino alla fine, con il 2-0 finale che sancisce non solo la settima vittoria azzurra che significa Euro 2020.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
I panetti di droga nascosti tra le banane
REGGIO CALABRIA

Maxi sequestro di droga nel porto di Gioia Tauro

Recuperata una tonnellata di coca: la sostanza era nascosta nelle banane
L'ex europarlamentare di Forza Italia Lara Comi
TANGENTI LOMBARDIA

Domiciliari per l’ex eurodeputata FI Lara Comi

E per l'Ad dei supermercati Tigros, Paolo Orrigoni, nell'ambito dell'indagine "Mensa dei Poveri"
Il card. Matteo Zuppi
BOLOGNA

"Chiesa, territorio, imprese: deontologia e fake news"

Oggi il convegno promosso da "sovvenire", tra i presenti anche il card. Matteo Zuppi
Imprese

La ricreazione deve finire

La rivoluzione digitale sta cambiando rapidamente le comunità in cui viviamo in ogni parte del mondo: cambiano...
TESORI D€ITALIA

Nella Città dei Sassi la Borsa del turismo culturale

Per quattro giorni a Matera si incontreranno oltre 500 operatori del settore provenienti da tutto il mondo
Acqua alta a Venezia
L'EMERGENZA

Da Venezia a Matera: l'Italia è sott'acqua

Acqua alta record, Mose fantasma e danni incalcolabili alla Serenissima. Ma c'è un Paese intero preda degli eventi...
Il C130 dell'Aeronautica militare atterra a Ciampino
CIAMPINO

Attentato in Iraq, i militari feriti arrivati in Italia

Il pm Colaiocco ha ascoltato il comandante delle Forze speciali
Il colonnato del Bernini in Piazza San Pietro
EMERGENZA SANITARIA

Curarsi a Piazza San Pietro

Fino a domenica il mini-ospedale gratuito per chi non può permetterselo
Jeanine Anez
SUD AMERICA

Bolivia, Jeanine Anez si autoproclama presidente

La presidente del Senato assume la carica ad interim. Morales: "Violata la Costituzione"
Vittorio De Sica
ANNIVERSARIO

45 anni fa l’addio al padre del neorealismo

Il 13 novembre 1974 moriva a 73 anni l’attore e regista Vittorio De Sica, vincitore di 4 premi Oscar
Acqua alta a Venezia
MALTEMPO

Acqua alta a Venezia, due morti a Pellestrina

Oltre cento interventi compiuti dai vigili del fuoco, altri 100 in attesa
Bandiera europea

Scavano la fossa alla Ue

Una prova può essere una coincidenza, due prove forti indizi, la terza prova una certezza. Un vecchio adagio...