BLATTER ACCUSA ARTEMIO FRANCHI: “HA TRUCCATO I SORTEGGI UEFA”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:06

Mentre in Francia si giocano gli Europei di calcio, la Uefa è travolta dalle accuse di Sepp Blatter. In un’intervista rilasciata al quotidiano argentino “La Nacion”, l’ex dirigente Fifa ha raccontato di essere stato testimone oculare di sorteggi truccati da parte dell’Uefa nelle competizioni europee. Blatter ha spiegato anche ilo metodo usato: “Si mettono le palline in frigo. Si fa un semplice confronto tra loro e chi sorteggia sa già quale estrarre dall’urna”.

Accuse, quelle di Blatter, che hanno anche un destinatario, Artemio Franchi: “I miei sono stati sempre sorteggi puliti – ha ammesso -. Era Artemio Franchi (presidente Uefa dal 1973 al 1983) piuttosto che truccava i sorteggi delle coppe europee”. “L’accusa che l’Uefa in passato avrebbe truccato i sorteggi delle sue competizioni è completamente assurda e non merita nemmeno una risposta”. È la replica, espressa attraverso un breve comunicato, attraverso cui la Federazione Calcistica Europea risponde alla accuse.

Ad alimentare le polemiche, anche Franco Carraro: “Quando Artemio Franchi è morto, Blatter portava ancora i calzoni corti…. Quando Franchi è morto 33 anni fa, Havelange lo ha onorato e se noi abbiamo avuto i Mondiali di calcio nel 1990 è stato in funzione della memoria di Franchi”, ha rilevato l’ex presidente della Figc e attuale membro del Cio. “Francamente, mi sembra uno strafalcione grande come una casa. Detto questo, le squadre che hanno vinto le coppe europee in quegli anni lo hanno fatto in modo trasparente. Ci sono state italiane, inglesi, spagnole, ma poi che cosa trucchi? Alla fine conta chi va in campo e gioca la partita. E sono molto felice di come ha giocato l’Italia ieri sera»

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.