Sant’Aldo: come ha raggiunto la santità

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:11

Sant’Aldo, Eremita Pavia, XI sec. Nonostante il suo culto sia molto popolare nel nord Italia, poche sono le notizie storiche sulla sua vita. E’ il solo santo a portare questo nome. Secondo la tradizione, è carbonaio e vive da eremita nel monastero fondato nel 614 da san Colombano. Il mestiere di carbonaio lo costringe a vivere tra i boschi e facilita il raccoglimento interiore e l’unione con il Signore. Aldo alterna la contemplazione con il lavoro manuale, che svolge insieme ai numerosi carbonai nei dintorni di Bobbio, vicino a Piacenza.

Spiritualità

Raggiunge la santità attraverso la solitudine, la quiete interiore, il silenzio. la preghiera e la contemplazione. Accettando di condividere la dura vita dei carbonai, diventa per loro un confidente, un prezioso consigliere e soprattutto un esempio di santità. Riesce ad armonizzare la spiritualità benedettina con quella di san Colombano.

Morte

Le sue reliquie sono venerate nella chiesa di san Michele di Pavia.

Tratto dal libro “I santi del giorno ci insegnano a vivere e a morire” di Luigi Luzi

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.