San Terenzio, martire e patrono di Pesaro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:11

San Terenzio, protovescovo, martire e patrono di Pesaro. Pannonia (Ungheria), 210 ca. – Pesaro, 251 ca. Incerte le notizie sulla sua vita. Secondo la tradizione Terenzio, per sfuggire alle persecuzioni indette da Decio, fugge dalla Pannonia e arriva in Italia, approdando alle spiagge del mare Adriatico. Secondo una dotta ricerca del XVII secolo Terenzio viene identificato come il primo vescovo di Pesaro, martirizzato per la sua fedeltà alla fede cristiana.

Morte

Mentre parte per recarsi a Roma, viene ucciso presso Pesaro, in una località chiamata “Acqua Mala”; si dice che il suo corpo venga gettato in quelle acque, poi chiamate “Acque di san Terenzio”. Verso la metà del VI secolo, dopo varie traslazioni, le sue reliquie sono collocate nella o della cattedrale.

Tratto dal libro “I santi del giorno ci insegnano a vivere e a morire” di Luigi Luzi

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.