Spiritualità

Beato Francesco Pianzola, “il prete delle mondine”

Beato Francesco Pianzola. Sacerdote e fondatore delle Suore Missionarie dell’lmmacolata Regina Pacis (Pianzoline) e degli Oblati Diocesani dell’lmmacolata Sartirana Lomellina (Pavia),5/10/1881-Mortara (Pavia), 4/06/1943. Fin da piccolo rimane impressionato dalle fatiche e dai disagi dei contadini,dei braccianti agricoli e delle mondariso.

Avvenimenti

  • Entra nel seminario di Vigevano e nel 1907 è ordinato sacerdote.
  • Fonda con altri sacerdoti gli Oblati dell’Immacolata, con lo scopo delle missioni popolari e dell’educazione della gioventù.
  • Fonda nel 1919 a Mortara le Suore Missionarie dell’Immacolata Regina Pacis, con la finalità di portare l’annuncio evangelico alle lavoratrici dei campi e in fabbrica e di collaborare con i sacerdoti nell’attività parrocchiale.

Aneddoti

  • A soli 10 anni raccoglie intorno a sé i bambini delle cascine vicine per insegnare loro il catechismo.
  • È conosciuto,oltre che come “l’apostolo della Lomellina”, anche come “il prete delle mondine” perché contribuisce a dare dignità alle lavoratrici delle risaie, spesso bistrattate e sovente anche sfruttate.
  • Ama farsi chiamare “don niente”.

Spiritualità

Come predicatore itinerante diffonde il Vangelo tra i braccianti agricoli, gli operai (sottoposti a quei tempi a ritmi massacranti), le mondine e gli ultimi. La sua parola è particolarmente convincente perché nasce da un profondo e vivo contatto con la sua gente, di cui condivide le sofferenze e le difficoltà esistenziali. Ha predicato quattrocento missioni in piccole, ma soprattutto povere, parrocchie. Deve sopportare per amore del Signore molti disagi e umiliazioni.

Morte

Muore a 61 anni, sfinito dalla fatica apostolica e dal diabete. Il 2 giugno, mentre riceve il Viatico, è circondato dalle suore professe. Ogni tanto dice: «Sia fatta la volontà di Dio». Il 3 giugno il vescovo di Vigevano gli chiede di benedirlo insieme a tutto il clero della diocesi e di benedire anche le sue suore e le sue Opere; Francesco acconsente. Chiede alle suore di recitare il Vespro della Madonna. Muore alle ore 4:30. Viene sepolto nella cappella della casa madre della Congregazione da lui fondata. È beatificato nel 2008.

Tratto dal libro “I santi del giorno ci insegnano a vivere e a morire” di Luigi Luzi

Luigi Luzi

Recent Posts

Beato Pietro de Bustamante: la sua infaticabile azione pastorale

Beato Pietro de Bustamante, Vescovo mercedario m. Aghadoa (Irlanda), 1350 ca. Entra nel convento mercedario…

14 Giugno 2024

Cybersecurity: “grandi eventi” in pericolo. Sos Europei e Olimpiadi

Cybersecurity a rischio nei grandi eventi sportivi (Europei e Olimpiadi). "Il mondo dello sport in…

14 Giugno 2024

Il “volo sul mondo” del medico eroe Carlo Urbani

Il libro "In volo sul mondo che amo" racconta l'impegno fino al martirio del medico…

14 Giugno 2024

Giornata del Donatore di Sangue: perché i giovani non donano

La donazione del sangue e del plasma è un gesto molto semplice, che a livello…

14 Giugno 2024

Francesco al G7 con la voce di chi non trova ascolto

"Al G7 parleremo di intelligenza artificiale e di pace. Farò incontri bilaterali: ci sono le…

14 Giugno 2024

Ecco perchè Papa Francesco non poteva rinunciare a parlare di IA al G7

E’ un appuntamento decisivo quello del papa con i leader del G7. Le enormi opportunità…

14 Giugno 2024