Santo del giorno - SANT'IGNAZIO D'ANTIOCHIA

Sant’Ignazio di Antiochia, martire, discepolo di san Giovanni Apostolo detto anche “teoforo” (portatore di Dio), fu il secondo vescovo di Antiochia, in Siria, terza metropoli del mondo antico dopo Roma e Alessandria d’Egitto e di cui san Pietro era stato il primo vescovo. Non era cittadino romano, e pare che non fosse nato cristiano, convertendosi in età non più giovanissima.

Mentre era vescovo ad Antiochia, l’Imperatore Traiano dette inizio alla sua persecuzione. Arrestato e condannato, Ignazio fu condotto, in catene, da Antiochia a Roma dove si allestivano feste in onore dell’Imperatore e i cristiani dovevano servire da spettacolo, nel circo, sbranati dalle belve. Fu condotto a Roma per subirvi il martirio molto probabilmente nell’anno 107. Durante il trasferimento a Roma scrisse varie lettere alle comunità cristiane di allora, esortando i fratelli a servire Dio in comunione con i vescovi e a non impedire che egli fosse immolato come vittima per Cristo.

Accadde oggi

17 Ottobre

1797 Trattato di Campoformio (Campoformido) tra Napoleone e l'Austria

1849 - Muore alle due del mattino a Parigi il compositore Fryderyk Chopin

1888 Thomas Edison presenta richiesta di brevetto per il fonografo ottico (il primo cinema)

Eventi

Giornata mondiale del rifiuto della miseria

Frase del giorno

 La povertà è la peggiore forma di violenza. (Gandhi)

Il Santo di domani: SAN MARCO, Evangelista