Gravidanza e alcol: i rischi da non correre

Il rischio di aborto spontaneo per le donne cresce 8% per ogni settimana consumo in particolare nelle prime 20 settimane di gravidanza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:16
gravidanza

L’alcol potrebbe indurre ad un aborto spontaneo pari all’8% delle probabilità. Questo può accadere in modo particolare quando la donna incinta consuma alcol, tra la quinta e la decima settimana di gravidanza.

Lo hanno calcolato i ricercatori della Vanderbilt University, nello studio pubblicato sull’American Journal of Obstetrics.

Lo studio

Nella ricerca è stato analizzato il momento, la quantità e il tipo di alcol consumato durante la gestazione e come questi fattori sono collegati al rischio di aborto nelle prime 20 settimane. L’impatto dell’alcol aumenta nelle prime nove settimane e si ha indipendentemente dal fatto che la donna abbia bevuto meno di un bicchiere o più di 4 durante ogni settimana.

 

Abuso di alcol in gravidanza

Il rischio è anche indipendente dal tipo di alcol bevuto e se la madre ha avuto episodi di abuso di alcol. Nello studio, condotto su 5353 donne, la metà ha riportato di avere consumato alcol durante il concepimento e nelle prime settimane di gravidanza.

L’età media gestazionale in cui si è interrotto il consumo è stata di 29 giorni. Anche se il 41% ha cambiato le proprie abitudini nel giro di 3 giorni dal risultato positivo del test di gravidanza, quelle che avevano smesso di bere più o meno nel periodo in cui avrebbero dovuto avere il ciclo mestruale, avevano un rischio di aborto del 37% maggiore rispetto a quelle che non bevevano alcol.

 

Meglio astenersi dall’arco per i nove mesi di gravidanza

Astenersi dall’alcol durante il concepimento o nella gravidanza è raccomandato da tempo per molte ragioni. Tuttavia, modeste quantità consumate sono spesso considerate come sicure”, commenta Katherine Hartmann, coordinatrice dello studio. “Per questo motivo i nostri risultati sono allarmanti – conclude – Nessuna quantità può essere raccomandata come sicura quando si tratta del rischio di aborto”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.