La Dieta mediterranea è il regime per gli atleti e non solo

Lo confermano gli specialisti, mettendo al centro l'importanza dei carboidrati e mettendo in guardia dalle diete di moda ma poco utili e poco sane

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:45

La dieta mediterranea, con la sua componente di carboidrati, è la regina dell’alimentazione. Sia per quanto riguarda gli atleti, che per la popolazione generale. Un piatto di pasta è irrinunciabile anche per coloro che vogliono perdere peso.

“La dieta mediterranea è la dieta adatta per la popolazione generale e per lo sportivo – ha sottolineato Michelangelo Giampietro, specialista in scienza dell’alimentazione e medico dello sport, durante il digital talk ‘Le Olimpiadi dei carboidrati’ promosso da Barilla -. E visto che viviamo in un periodo di pandemia è la dieta migliore anche in tempi di Covid. Fornisce infatti salute e benessere e le prove scientifiche di questo sono enormi”.

I carboidrati sono la benzina per chi fa sport, sono digeribili e facilitano il recupero dopo lo sforzo fisico. Eppure un tempo la dieta della sportivo era quella del marine, che metteva al centro la carne. La rivoluzione, tutta italiana, della dieta mediterranea con il carboidrato è arrivata con Pietro Mennea e Klaus Dibiasi. Oggi la pasta non manca sulle tavole degli atleti come Michael Phelps, recordman di medaglie olimpiche, che mangiava 1 kg di pasta al giorno quando si allenava. Mentre Roger Federer mangia sempre un piatto di spaghetti prima del match.

Certo le dosi sono diverse da quelle consigliate per la popolazione generale. “Gli atleti devono avere energia e deve essere di facile acquisizione e facile da spendere- ha proseguito Giampietro -. I carboidrati sono nutrienti idonei prima, durante e dopo l’allenamento e la competizione, le proteine sono utili prevalentemente nel post lavoro. Le lunghe distanze richiedono molti carboidrati di depositi di glicogeno nei giorni precedenti”.

Sì alla dieta mediterranea ma no alle diete che rappresentano “più una moda”, come quella chetogenica, quella del digiuno intermittente, o priva di glutine. “Sono perlopiù delle mode – ha concluso Giampietro – che mal si giustificano e ancora meno per l’atleta e lo sportivo. A meno che non ci siano malattie particolari o motivi religiosi. Diete vegane, vegetariana, senza glutine, dove non si è celiaci, possono anche essere dannose e non aiutano nella pratica sportiva. Non danno nessun beneficio”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.