Ecco Doublicat, l'app che genera in automatico i deepfake

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:47

In pieno allarme (social) sul fenomeno deepfake – vale a dire video o immagini manipolate che vengono considerate la nuova frontiera della disinformazione specie su Facebook – è nata una app che permette di sostituire il proprio volto ad un fermo immagine. Gli sviluppatori di NeoCortext – la stessa società che qualche tempo fa ha lanciato Reflect, l'app di sostituzione facciale basata sull'intelligenza artificiale e dedicata alle foto – hanno creato Doublicat, un’applicazione disponibile per Android e iOS che sfrutta l'intelligenza artificiale per creare un deepfake con il proprio volto con quello di una celebrity o altro. Per utilizzarla basta scattarsi un selfie e scegliere l'immagine in movimento (Gif) in cui trasformarsi. NeoCortex assicura gli utenti sulla privacy, di non immagazzinare i dati biometrici e di cancellare immediatamente i selfie scattati. Inoltre, Doublicat non è in grado di elaborare un modello 3D del volto.

Allarme Deepfake

La tecnologia di RefaceAI, sviluppata dall’omonima azienda, in futuro sarà utilizzata all’interno di una nuova app che permetterà la sostituzione dei volti nei video. Uno strumento interessante quanto pericoloso se l’obiettivo finale fosse la diffusione di notizie false: non è un caso se le grandi aziende tecnologiche si stanno impegnando per combattere il fenomeno. Facebook ha deciso di affrontare in maniera decisa il fenomeno del deepfake, rimuovendo quei video che siano stati modificati dall’intelligenza artificiale. Mentre sempre Facebook con Amazon e Microsoft hanno messo insieme una 'Deepfake Detection Challenge', mentre Google ha condiviso un database contenente diversi filmati deepfake allo scopo di allenare i meccanismi di riconoscimento a smascherare i video contraffatti.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.