World Pasta Day: iniziative e workshop sul cibo più famoso del mondo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

Oggi si celebra il World Pasta Day, la giornata mondiale dedicata all'alimento simbolo della dieta mediterranea. L'evento è supportato sui social dagli hashtag #WorldPastaDay e #Spaghetti.

Brasile

Dopo le edizioni passate a New York (2009), Rio de Janeiro (2010), Roma (2011), Città del Messico (2012), Istanbul (2013), Buenos Aires, Milano (per Expo 2015) e Mosca (2016), quest'anno l'Ipo – International Pasta organisation – ha scelto come  nazione ospitante il Brasile. Il gigante sudamericano è il primo produttore di pasta del continente, con 1,2 milioni di tonnellate prodotte nel 2016, e un consumo pro capite di 6,1 chili e il quarto produttore di pasta al mondo dopo Italia, gli Usa e la Turchia.

Economica ed ecosostenibile

Usata come primo o piatto unico o contorno che sia, la pasta è un alimento completo e leggero; inoltre, è anche economica, sostenibile e adatta a ogni tipo di cultura.

Per tale motivo è stata eletta dalle Nazioni Unite come alimento ideale per saziare un Pianeta sempre più affamato. Secondo il rapporto Onu “The State of Food Security and Nutrition in the World 2017”, infatti, nel 2016 la fame nel mondo è tornata a crescere dopo un decennio di decrescita positiva. Quest'anno 815 milioni di persone, l'11% della popolazione mondiale, hanno sofferto la fame.

The Power of Pasta

per tale motivo, è stata avviata l’iniziativa “The Power of Pasta”: i produttori mondiali di pasta – in primis l'Italia – doneranno oltre 3 milioni di piatti di pasta ad associazioni locali sparse nei vari Paesi impegnate nella lotta alla fame. L'Italia non poteva non eccellere anche nel solidarietà: oggi i pastai italiani hanno simbolicamente donato alle mense Caritas di 12 Regioni 13 tonnellate di pasta, l'equivalente di 160.000 pasti. Contro la fame, niente di meglio di un bel piatto di spaghetti al pomodoro!

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.