Spaccio tra le case popolari e l'area di Villa Adriana: 11 arresti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:24

Prosegue senza sosta la guerra delle forze dell'ordine alle gang locali di spacciatori. Dopo i recenti blitz antidroga in vari quartieri e zone della Capitale – tra i quali quelli a Tufello, Montesacro, Due Leoni, San Basilio e la Borghesiana – I carabinieri hanno sgominato, nella provincia di Roma, una fiorente piazza di spaccio tra Tivoli e Guidonia arrestando 11 persone, 5 finite in carcere e 6 ai domiciliari. I militari hanno dato esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP presso il Tribunale di Tivoli, su conforme richiesta della locale Procura della Repubblica, portando così a termine l'operazione Adriano. 

Operazione Adriano

Le indagini – ricostruisce Romatoday.it – sono iniziate nel febbraio 2019 casualmente, dopo che un militare dell'Arma libero dal servizio ha ascoltato in un locale una concitata conversazione telefonica tra un professionista di Tivoli ed altra persona in merito a pagamenti di alcune somme di denaro. Incuriosito, pensando si trattasse di usura, ha chiesto spiegazioni, scoprendo che si trattava di pagamenti verso un certo Manuel per dosi di cocaina. Da lì, sono partite le indagini. Il celere lavoro dei carabinieri ha consentito di svelare “ramificazioni criminali” in cui emerge la figura di Manuel S. (31enne agli arresti domiciliari da dicembre 2019 per detenzione di un fucile a canne mozze) che, con la collaborazione di numerose persone, aveva organizzato un fiorente mercato di più tipologie di narcotici, vendendo sia droga leggere che cocaina e crack, circondandosi di più pusher che partecipavano alla redditizia attività delittuosa e che venivano “stipendiati” giornalmente. Il gruppo aveva come punto fisso per la compravendita di droga, le vie e le case popolari del quartiere Adrianella. Ma lo spaccio avveniva anche nei pressi di una famosa gelateria a Villa Adriana, molto vicina all'omonimo sito Unesco. Da qui, il nome dell'operazione: “Adriano”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.