Rapinava negozi armato di accetta: arrestato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:06

Rapinava esercizi commerciali armato di accetta. I carabinieri della Compagnia di Pomezia hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare, emessa del Gip di Roma su richiesta della locale Procura della Repubblica – Gruppo reati gravi contro il patrimonio e gli stupefacenti, nei confronti di un uomo di 33 anni, di nazionalità italiana e domiciliato a Pomezia (Rm), già detenuto presso la Casa Circondariale di Velletri per pregressi reati di rapina a mano armata e porto illegale di armi.

I colpi

Il malvivente è ritenuto responsabile di 4 rapine, commesse lo scorso mese di maggio, ai danni di alcune farmacie e profumerie site in diverse zone della Capitalo. L’uomo entrava negli esercizi armato di accetta, completamente travisato per non farsi riconoscere ed indossando dei guanti in plastica per evitare di lasciare impronte e, sotto minaccia dell’arma, si faceva consegnare l’incasso.

Precedente

L’attività investigativa, condotta dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Pomezia è stata avviata alla fine del mese di maggio 2017 quando una pattuglia, notando due uomini che con atteggiamento sospetto transitavano a Pomezia su via del Mare, li controllava appurando nell’immediatezza dei fatti la loro responsabilità per una rapina commessa pochi giorni prima ad un supermercato di Torvaianica e sottoponendoli a fermo di indiziato di delitto. I due uomini, l’odierno arrestato ed un complice, vennero accompagnati presso la Casa Circondariale di Velletri, ove tuttora si trovano detenuti. All’interno dell’autovettura in uso ai fermati venivano rinvenute numerose accette e diversi capi d’abbigliamento. Attraverso l’analisi delle rapine perpetrate nel Comune di Roma i Carabinieri hanno individuato 4 rapine commesse con lo stesso modus operandi di quella perpetrata presso l’esercizio commerciale di Torvaianica. L’analisi dei filmati di videosorveglianza degli esercizi commerciali rapinati e del traffico telefonico dei cellulari sequestrati al 33enne ha permesso di appurare la sua responsabilità nella commissione delle 4 rapine.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.