LUNEDÌ 15 APRILE 2019, 11:37, IN TERRIS


SICUREZZA

Nuovo colpo al clan dei Casamonica

Blitz all'alba: 23 arresti. Salvini: "Nessuna tregua". Raggi: "Lo Stato c'è"

ALBERTO TUNO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Carabiniere durante la perquisizione
Carabiniere durante la perquisizione
N

uovo colpo alla criminalità nella Capitale. I carabinieri del Comando provinciale di Roma hanno eseguito 23 misure cautelari, emesse dal gip su richiesta della procura di Roma, nei confronti di appartenenti alle famiglie Casamonica, Spada e Di Silvio, tra cui 7 donne.


Il blitz

Gli indagati sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di estorsione, usura, intestazione fittizia di beni, spaccio di stupefacenti. Reati che sarebbero stati commessi con l'aggravante del metodo mafioso. Le indagini che hanno portato al nuovo blitz sono la prosecuzione dell'operazione "Gramigna" che la scorsa estate fece scattare misure nei confronti di altri 37 appartenenti al clan dei Casamonica. L'operazione è scattata all'alba e ha visto all'opera circa 150 carabinieri del comando provinciale di Roma con l'ausilio di unità cinofile e del peronale dell'ottavo reggimento Lazio. 


Reazione

"Grazie alle forze dell'ordine e agli inquirenti, nessuna tregua ai criminali" ha commentato su Twitter il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, annunciando che presto sarà ad Anzio per "restituire ai cittadini una villetta confiscata". La sindaca di Roma, Virginia Raggi, su Facebook ha parlato di operazione per il "ripristino della legalità" per la quale un "ringraziamento sentito va agli uomini del Comando provinciale dei Carabinieri e ai magistrati della Procura di Roma per il loro lavoro importantissimo". Per Raggi blitz come quello di oggi dimostrano che "la reazione dello Stato c'è". Ringraziamenti e forze dell'ordine e magistratura anche dal presidente della Commissione parlamentare antimafia, Nicola Morra. "Ancora una volta, con il loro lavoro, danno un duro colpo ad uno dei clan mafiosi più pervasivi e più sottovalutati che esistono nella capitale d'Italia - ha scritto -. Troppe volte si è sottovalutato il gruppo dei Casamonica, derubricandoli a piccolo fenomeno criminale. Usura, spaccio, intestazione di beni fittizi e violenza sono mafia e va ribadito. Roma sta reagendo e ribadendo che la città vuole essere libera e vivere nella legalità".


Il blitz dei Carabinieri

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Giuseppe Conte
GOVERNO

Procedura infrazione: cosa ha detto Conte

Il premier alla Camera: "Determinati a evitare iter Ue ma covinti della nostra politica economica"
Vecchio televisore
L'INTERVISTA

Freccero: "Basta propaganda in tv, spazio alla verità"

Il direttore di Raidue conferma il lancio in autunno de "L'ottavo blog", per dar spazio all'informazione...
L'auto dove sono morti i due conoscenti
LITORALE

Giallo di Torvaianica, in un video la svolta

Autopsia e alibi. Il punto sulla morte dei due conoscenti
Morte assistita
AUSTRALIA

Victoria: i malati terminali potranno uccidersi

I moribondi potranno chiedere farmaci letali. Protestano i vescovi: "No alla morte assistita"
PIACENZA

Bimbo di 18 mesi ingerisce cocaina

Sull'episodio sta indagando la Procura piacentina
Alfonso Bonafede
CASO NOMINE

Il governo prepara la riforma della giustizia

Oggi vertice a Palazzo Chigi. Conte: "Recidere contaminazione fra politica e magistratura"
Un'edizione de
MATURITÀ 2019

Ecco "Il Porto sepolto" di Ungaretti

La poesia, confluita nel 1942 nella raccolta L'allegria, è la prova di analisi del testo
Carabinieri in azione
LICATA

Mafia: 31 arresti, c'è anche un consigliere comunale

Tra i fermati c'è il boss licatese Angelo Occhipinti, presunto reggente della cosca