MERCOLEDÌ 26 APRILE 2017, 15:57, IN TERRIS

Udienza a San Pietro, il Pontefice: "Se sopravvive in noi la certezza che Dio ama noi e questo mondo, subito muta la prospettiva"

Durante l'udienza, il Pontefice ha affermato che la "nostra è un'anima migrante e la nostra esistenza un pellegrinaggio, un cammino"

EDITH DRISCOLL
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Udienza a San Pietro, il Pontefice:
Udienza a San Pietro, il Pontefice: "Se sopravvive in noi la certezza che Dio ama noi e questo mondo, subito muta la prospettiva"
"Se facessimo affidamento solo sulle nostre forze, avremo ragione di sentirci delusi e sconfitti, perché il mondo spesso si dimostra refrattario alle leggi dell'amore. Ma se sopravvive in noi la certezza che Dio non ci abbandona, che Dio ama teneramente noi e questo mondo, allora subito muta la prospettiva". E' quanto ha dichiarato, questa mattina, Papa Francesco rivolgendosi alle quasi 18 mila persone che hanno riempito piazza San Pietro per la catechesi durante l'udienza generale del mercoledì.

L'ancora uno dei simboli cristiani della speranza


"Passeranno i cieli, passerà la terra, verranno cancellate le speranza umane, ma la Parola di Dio - ha scandito il Papa - è più grande di tutto e non passerà. Non ci sarà giorno della nostra vita in cui cesseremo di essere una preoccupazione per il cuore di Dio. E Dio sicuramente provvederà a tutti i nostri bisogni, non ci abbandonerà nel tempo della prova e del buio. Questa certezza chiede di annidarsi nel nostro animo per non spegnersi mai. Qualcuno la chiama con il nome di 'Provvidenza'". In merito, il Papa ha ricordato che "tra i simboli cristiani della speranza c'è l'ancora. Essa esprime che la nostra speranza non è vaga; non va confusa con il sentimento mutevole di chi vuole migliorare le cose di questo mondo in maniera velleitaria, facendo leva solo sulla propria forza di volontà".

"La nostra vita ancorata in cielo"


"La nostra vita - ha aggiunto Francesco parlando a braccio - è ancorata in cielo e noi dobbiamo solo reggerci alla corda, arriveremo lì dove siamo diretti". "La speranza cristiana - ha spiegato - trova la sua radice non nell'attrattiva del futuro, ma nella sicurezza di ciò che Dio ci ha promesso e ha realizzato in Gesù Cristo. Se Lui ci ha garantito di non abbandonarci mai, se l'inizio di ogni vocazione è un "Seguimi", con cui Lui ci assicura di restare sempre davanti a noi, perché allora temere?". Secondo il Papa, "con questa promessa, i cristiani possono camminare ovunque. Anche attraversando porzioni di mondo ferito, dove le cose non vanno bene, noi siamo tra coloro che anche là continuano a sperare". "E' proprio dove dilaga il buio che bisogna tenere accesa una luce", ha continuato sottolineando che "la promessa di Gesù 'Io sono con voi' ci fa stare in piedi con speranza, confidando che il Dio buono è già al lavoro per realizzare ciò che umanamente pare impossibile". Dunque, ha concluso Bergoglio, "il santo popolo fedele di Dio è gente che sta in piedi e cammina nella speranza. E dovunque va, sa che l'amore di Dio l'ha preceduto: non c'è parte del mondo che sfugga alla vittoria di Cristo Risorto, la vittoria dell'amore".

"La nostra è un'anima migrante"


"La nostra anima è un'anima migrante!", ha esclamato Papa Francesco durante l'Udienza Generale, poche ore dopo aver ricordato la propria origine in una famiglia di migranti nel collegamento con il "Ted Talk" di Vancouver. "'Homo viator, spe erectus', dicevano gli antichi. La nostra esistenza - ha spiegato alla folla - è un pellegrinaggio, un cammino. Anche quanti sono mossi da una speranza semplicemente umana, percepiscono la seduzione dell'orizzonte, che li spinge a esplorare mondi che ancora non conoscono".
"La Bibbia - ha continuato - è piena di storie di pellegrini e viaggiatori. La vocazione di Abramo comincia con questo comando: "Vattene dalla tua terra. E il patriarca lascia quel pezzo di mondo che conosceva bene e che era una delle culle della civiltà del suo tempo. Tutto cospirava contro la sensatezza di quel viaggio. Eppure Abramo parte". Secondo il Papa, "non si diventa uomini e donne maturi se non si percepisce l'attrattiva dell'orizzonte: quel limite - ha concluso - tra il cielo e la terra che chiede di essere raggiunto da un popolo di camminatori".

 
Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Fiorentina-Napoli 3-4. L'esultanza degli Azzurri
SERIE A

Show e polemiche al Franchi, il Napoli fa il pieno

Gli azzurri replicano alla Juve e si impongono 4-3 sulla Fiorentina, furiosa per un penalty assegnato a Mertens
Cristiano Ronaldo
CAMPIONATO DI CALCIO

Riparte la Seria A con Parma-Juventus

Da quest'anno regole più severe sui falli di mano e cartellini per gli allenatori
Protesta dei navigator in Campania
REDDITO DI CITTADINANZA

Sciopero della fame dei navigator

In Campania braccio di ferro tra i vincitori del concorso e il governatore
Aula scolastica
ISTRUZIONE

In classe per diventare buoni cittadini

Il 5 settembre l’educazione civica torna ad essere materia obbligatoria. Cosa cambia per la scuola
Scontri a Hong Kong
ASIA

Guerriglia urbana a Hong Kong: 1 ferito

Nuovo lancio di molotov e cariche della polizia sui manifestanti
Religioni per la pace
ECUMENISMO

Sostenere la campagna per l’abolizione delle armi nucleari

La dichiarazione finale della X Assemblea mondiale delle religioni per la pace di Lindau
Vescovato di Avellino
CAMPANIA

Avellino, bomba al vescovato: 3 feriti

Fermato un uomo: Nelson Lamberti, 49 anni, salernitano ma residente a Forino
Il vescovo Pompili durante la celebrazione ad Amatrice
COMMEMORAZIONE TERREMOTO 2016

Mons. Pompili: "Senza un progetto non si va da nessuna parte"

L'omelia del Vescovo di Rieti ad Amatrice nella messa per il terzo anno dal sisma del Centro Italia