Meditazioni alla Curia su “Elogio della sete”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:20

Sarà il sacerdote José Tolentino de Mendonça, vicerettore dell'università cattolica di Lisbona e consultore del Pontificio consiglio della cultura, a predicare gli esercizi spirituali durante la quaresima a Papa Francesco e ai membri della Curia romana. Il tema scelto per le meditazioni del ritiro che si terrà dal 18 al 23 febbraio ad Ariccia è “Elogio della sete“. Lo riferisce l'Osservatore Romano.

Nato a Machico, in Portogallo, nel 1965, il predicatore è stato ordinato prete nel 1990. Teologo e poeta, è una delle voci più autorevoli della cultura del suo Paese che ha ufficialmente rappresentato nel 2014 per la giornata mondiale della poesia. Il programma degli esercizi – che come di consueto si svolgeranno nella Casa Divin Maestro, retta dai Salesiani – prevede per la domenica iniziale, alle 18.00, l'introduzione, l'adorazione e la recita dei vespri. Le giornate successive si apriranno con la concelebrazione della messa alle 7.30, seguita da una prima meditazione alle 9.30. Quindi alle 16 si terrà la seconda meditazione che precederà la recita dei vespri e l'adorazione eucaristica. Nella giornata conclusiva, venerdì 23, è in programma un'unica meditazione.

Apprendisti dello stupore” è il titolo della riflessione di domenica 18 che farà da introduzione all'intero cicli di esercizi. A seguire, nei giorni successivi, i temi meditati saranno: la scienza della sete; mi sono accorto di essere assetato; questa sete di niente; la sete di Gesù; le lacrime raccontano una sete; bere dalla propria sete; le forme del desiderio; ascoltare la sete delle periferie; la beatitudine della sete. Durante il periodo di ritiro, come di consueto, vengono sospese le udienze private e speciali, compresa l'udienza generale del mercoledì.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.