MERCOLEDÌ 30 OTTOBRE 2019, 07:18, IN TERRIS

BOLIVIA

"La gente è esasperata, la tensione aumenterà"

Il j'accuse del vescovo Eugenio Coter al presidente Morales

MILENA CASTIGLI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il vescovo Eugenio Coter
Il vescovo Eugenio Coter
"I

l futuro della Bolivia si sta giocando in queste ore nelle strade. La tensione aumenterà: per ora ci sono solo 30 feriti ma temo che presto ci saranno morti e il presidente Morales decreterà lo stato d’emergenza per sei mesi, con i militari nelle strade. Un copione già visto. Rischiamo di diventare la brutta copia del Venezuela, perché l’economia boliviana non è più sostenibile”. A parlare al Sir è il vescovo Eugenio Coter, fidei donum bergamasco e vicario apostolico di Pando, nel nord della Bolivia. Missionario da 28 anni in Bolivia, mons. Coter è reduce dai lavori del Sinodo per l’Amazzonia. In questi giorni è preoccupato per le tensioni e gli scontri a Santa Cruz, La Paz e a Cochabamba, con una trentina di feriti.


Le proteste

Le proteste sono iniziate otto giorni fa contro presunti brogli nelle presidenziali che hanno visto la vittoria del presidente Evo Morales, al quarto mandato. “Morales ha una base agguerrita – osserva mons. Coter –, uno zoccolo duro che rappresenta il 34% della popolazione e manifesta armato di bastoni”. La Chiesa boliviana ha chiesto un ballottaggio che non c’è stato e anche mons. Coter è molto critico: “I dati delle elezioni sono cambiati inspiegabilmente e i brogli sono stati riconosciuti dagli osservatori dell’Organizzazione degli Stati americani e da numerose realtà della società civile”. Tra le colpe del governo Morales, a suo avviso, ci sono le scelte economiche, con ricadute negative sulla popolazione: “Nel 2006 eravamo il quinto Paese al mondo produttore di soia, quest’anno abbiamo cominciato ad importarla. Stiamo comprando all’estero 700 milioni di alimenti al mese e siamo indebitati con la Cina. Non ci sono imprese che generano economia, le riserve di gas sono finite. È un peccato, perché in lui erano riposte tante speranze, ma ha tradito il progetto Paese”. Mons. Coter, che in passato ha lavorato nella mediazione dei conflitti a Cochabamba, sostiene che durante questi anni ci siano stati “oltre 100 morti, più che con il precedente presidente. E 1.200 persone hanno ottenuto lo status di rifugiato politico all’estero”. “C’è il rischio che la gente, esasperata, usi violenza e si arrivi ad uno scontro più forte – conclude -. Perché è la seconda volta che si truffa sui voti”.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
UAE Tour
EMIRATI ARABI

Cancellate due tappe di ciclismo: 2 italiani positivi al virus

Primo contagio in Nigeria: è italiano. Primo caso in Olanda: è stato in Italia. Hyundai chiude in Corea del Sud
La Finanza sul luogo del blitz
L'AQUILA

Avezzano, maxi operazione antidroga: 10 arresti

Impegnati oltre 100 finanzieri: perquisiti 12 locali e sequestrate varie autovetture
Jeanine Áñez
FONDAZIONE JUBILEO

Bolivia: "Elezioni libere, pulite e trasparenti"

"Tu voto cuenta": la campagna in vista delle presidenziali post Maduro del 3 maggio
Carabinieri
MESSINA

Colpo al clan dei Barcellonesi: 59 arresti

Il clan imponeva estorsioni in tutta la provincia ma nessuno ha mai denunciato
Mezzi militari turchi
MEDIO ORIENTE

Siria, soldati turchi massacrati in un raid

Escalation in corso nel Paese: almeno 29 militari di Ankara uccisi da una serie di attacchi delle forze di Assad
Emmanuel Macron e Giuseppe Conte
CORONAVIRUS

Conte e Macron a Napoli: "Frontiere aperte"

Bilaterale fra i due presidenti per il XXXV vertice intergovernativo. Il premier: "Chiuderle sarebbe un danno...
Coronavirus
L'EPIDEMIA

Coronavirus, il Tar riapre le scuole nelle Marche

Aumentano i decessi (14) ma anche le guarigioni (42), 650 i contagi. Riaperto anche il Duomo di Milano
L'aeroporto Ben Gurion
L'EPIDEMIA

Coronavirus, Israele respinge gli italiani

Rimandati indietro 56 passeggeri e disposto il blocco ai voli dal nostro Paese. L'Arabia Saudita ferma i pellegrinaggi
Il giudice Paolo Adinolfi
DELITTO DELL'OSTIENSE

Giudice Adinolfi, il giallo della scomparsa

Il figlio Lorenzo: "Basta omertà, subito la riapertura delle indagini"
Filippo Magnini
NUOTO

Il Tas assolve Magnini: via la squalifica per doping

L'ex nuotatore, due volte campione del mondo, scagionato dalle accuse di tentato uso di sostanze dopanti
La nave da crociera Msc
CROCIERA MSC

Proteste a Cozumel per lo sbarco della nave Msc

L'ok del Messico dopo i "No" di Giamaica e isole Cayman per un caso di influenza a bordo
SUICIDIO ASSISTITO

Choc in Germania: per i giudici togliersi la vita è un diritto

La Corte Costituzionale ha deciso di annullare l'articolo 217 del Codice penale che vietava la possibilità alalle...
Edificio scolastico distrutto dalle bombe
SIRIA

Unicef: "Basta bombardare le scuole a Idlib"

Nell'attacco a 10 scuole sono stati uccisi 12 civili tra bambini e insegnanti
Incendio a Strasburgo
FRANCIA

Incendio in un edificio a Strasburgo: il bilancio

La polizia ha fermato due uomini per "verifiche" realtive al rogo
EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, il paradosso degli agriturismi

Sono le strutture ricettive più sicure perché lontane dagli affollamenti, eppure le prenotazioni si sono dimezzate...
CORONAVIRUS

Oms: "Per la prima volta più contagi all'estero che in Cina"

Sono 427 contro i 411 cinesi. Primi contagi in Danimarca, Romania ed Estonia