Caritas: uno stand alla “Fiera dei morti”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:28

Dal 31 ottobre al 5 novembre la Caritas diocesana di Perugia avrà uno stand presso la “Fiera dei Morti”, evento fieristico tipico delle festività autunnali che catalizza tantissimi visitatori da tutta l’Umbria e anche da fuori regione.

Lo spazio Caritas

In questo speciale spazio sarà esposta una serie di oggetti realizzati da alcune signore ospiti del Villaggio della Carità “Sorella Provvidenza”, sede della Caritas perugina, dove risiedono anche alcune famiglie in condizioni economiche di grave difficoltà, che hanno perso la propria abitazione. Per una maggiore integrazione tra persone e culture diverse, i volontari e operatori della Caritas hanno pensato nei mesi scorsi di dare vita ad uno speciale laboratorio creativo-sartoriale: le signore si sono ritrovate per realizzare borse di stoffa colorate decorate in maniera artigianale, sacchetti per il pane, presine e grembiuli da cucina, sfoderando ciascuna le proprie doti creative. “Il risultato è stato sorprendente – afferma Giancarlo Pecetti, direttore della Caritas diocesana -: non solo i rapporti tra le coinquiline si sono rafforzati, ma addirittura si è scoperto quanto sia bello stare insieme, creando una magnifica atmosfera dove ciascuna ha offerto il meglio di sé”. Il risultato di questa esperienza di comunità e collaborazione sarà in mostra presso lo stand Caritas della “Fiera dei Morti”, in località Pian di Massiano, fin dalla sera del 31 ottobre, momento inaugurale. Naturalmente chi vorrà potrà lasciare un’offerta che andrà a finanziare le iniziative della Caritas, portando a casa uno dei meravigliosi lavori realizzati dalle ospiti del Villaggio “Sorella Provvidenza”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.