IL PONTEFICE SU INSTAGRAM DAL 19 MARZO, FESTA DEL PAPA’

ULTIMO AGGIORNAMENTO 4:30

Papa Francesco sempre più social e al passo coi tempi. Dopo il successo su Twitter, le catechesi su Telegram, i messaggi su Youtube, Bergoglio sbarcherà sabato prossimo su Instagram, il social network che permette agli utenti di scattare foto, applicare filtri e condividere su numerosi altri servizi social (compresi Facebook, Foursquare, Tumblr, Flickr, e Posterous) le proprie opere. Instagram presenta la peculiarità del formato fotografico quadrato a cui si aggiunge, sul bordo superiore e inferiore dell’immagine, uno spesso margine bianco su cui scrivere, caratteristica che ricorda lo storico formato cartaceo delle Polaroid. Il pontefice ha scelto come nome “Franciscus” per iniziare il suo viaggio in immagini sviluppata da Kevin Systrom e Mike Krieger nel 2010. L’annuncio è arrivato dal Prefetto delle Comunicazioni del Vaticano, monsignor Dario Viganò.

La scelta della data è importante: il 19 marzo è infatti la Festa di San Giuseppe, santo molto caro a Papa Francesco, del quale ha anche una piccola statua nel suo appartamento di Santa Marta. Ma per Bergoglio è soprattutto il terzo anniversario della Messa di inizio pontificato, quella che una volta si chiamava ‘intronizzazione’ e che si celebrò appunto il 19 marzo del 2013. Nonostante Bergoglio non abbia molta dimestichezza con gli strumenti di comunicazione più moderni – molti ricordano il suo sguardo perplesso di fronte al tablet che gli regalarono alla sua prima udienza in Vaticano, poi messo all’asta per beneficienza – conosce però perfettamente l’importanza del saper comunicare attraverso i social, specie per arrivare ai più giovani. Il mezzo più usato finora è stato Twitter con il messaggio quotidiano del Pontefice seguito da milioni di followers che aumentano di mese in mese. Stesso successo avrà, probabilmente, anche su Instagram.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.