Il Papa lavora un super dicastero missionario?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:48

Papa Francesco starebbe lavorando a un maxi-dicastero missionario nel quale dovrebbe confluire l'attuale Congregazione per l'evangelizzazione dei popoli e il Pontificio consiglio per la nuova evangelizzazione. Ad annunciare la notizia è la rivista spagnola Vida Nueva che si occupa di temi legati al Vaticano e alla vita religiosa. 

Il nuovo dicastero

Come annuncia la rivista spagnola, sarebbe proprio il nuovo dicastero la novità princiale della costituzione apostolicaPraedicate Evangelium” che conterrà le decisioni sulla riforma della curia alla quale, in questi anni, hanno lavorato Papa Francesco e il consiglio dei cardinali, il cosiddetto C9. Quella del maxi dicastero, se dovesse essere confermata, sarebbe una scelta in linea con la volontà di Papa Francesco di dare sempre più importanza all'evangelizzazione, come testimonia il mese straordinario dedicato alle missioni, ad ottobre

La nuova costituzione apostolica

Secondo Vida Nueva, inoltre, la “Praedicate Evangelium” potrebbe essere firmata dal Papa il prossimo 29 giugno, giorno importante per la Chiesa in cui si festeggiano i santi Pietro e Paolo. I tempi però non coinciderebbero con quanto dichiarato dal direttore della Sala Stampa Vaticana, Alessandro Gisotti, che, al termine dell'ultimo consiglio dei cardinali – che si è svolto in Vaticano dall'8 al 10 aprile. In quell'occasione, Gisotti aveva comunicato l'avvio del processo di consultazione della nuova costituzione apostolica che sostituirà la “Pastor Bonus” di Giovanni Paolo II. La bozza è stata inviata ai presidenti delle Conferenze episcopali nazionali, alle Conferenze dei Superiori e delle Superiori Maggiori e ad alcune università Pontifice a cui sarà richiesto di inviare osservazioni e suggerimenti. L'auspicio, secondo le dichiarazioni del direttore della Sala Stampa Vaticana, è quello di avere entro la fine del 2019 il testo definitivo da portare all'approvazione di Papa Francesco.  

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.