SABATO 11 MAGGIO 2019, 12:59, IN TERRIS


INCONTRO CON IL CENTRO SPORTIVO ITALIANO

Il Papa: "Lo sport sia incontro, mai scontro"

Il Santo Padre incontro il Csi nel settantacinquesimo anniversario della sua fondazione: "Siate portatori di speranza"

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il Papa durante l'incontro
Il Papa durante l'incontro
S

ettantacinque anni di storia e "più di un milione e duecentomila tesserati": è un giorno speciale per il Centro sportivo italiano, l'associazione senza scopo di lucro che, dalla sua fondazione nel 1944, si propone di promuovere una cultura dello sport come strumento di integrazione sociale sulla base dei valori cristiani, attraverso competizioni e attività in oltre cento discipline. E, dopo cinque anni, i suoi rappresentanti tornano a incontrare Papa Francesco: "Non sarei neanche capace di individuare una quantità così grande di discipline diverse - ha detto il Santo Padre -, e questo mi lascia immaginare la varietà delle vostre proposte e l’immensa fantasia del mondo dello sport, dove ognuno può trovare la specialità per la quale si sente più portato". Una vera e propria missione quella del Csi, portata avanti con lo scopo di offrire con lo sport "uno stile di vita sano e positivo". Questo perché lo sport "è una grande scuola, a condizione che lo si viva nel controllo di sé e nel rispetto dell’altro".


Padroni dei nostri limiti

Lo sport, ha spiegato il Santo Padre, dà una grande lezione insegnandoci che "ci si può divertire solo in un quadro di regole ben precise". E, per questo, quando si affronta una gara si impara che "le regole sono essenziali per vivere insieme; che la felicità non la si trova nella sregolatezza, ma nel perseguire con fedeltà i propri obiettivi; e imparate anche che non ci si sente più liberi quando non si hanno limiti, ma quando, coi propri limiti, si dà il massimo. Dobbiamo essere padroni dei nostri limiti e non schiavi dei nostri limiti". Orizzonti che il mondo sportivo ci apre, producendo "conseguenze benefiche" per chi lo pratica e "per tutta la società" che vede nella pratica dello sport "un'occasione di aggregazione, di crescita e di fraternità".


La visione cristiana

"Vi potrebbero chiedere - ha detto ancora Papa Francesco - come possiate sperare che lo sport sia lo strumento per risolvere tanti e tali problemi, e per realizzare una trasformazione così profonda della nostra società. Possiamo rispondere che lo sport può farlo perché migliora le persone, e può favorire una cultura del dialogo e dell’incontro rispettoso. La lotta con gli avversari, nelle competizioni sportive, è sempre definita 'incontro', e mai 'scontro', perché alla fine, sebbene sia meglio vincere, in un certo senso si vince entrambi". E questo, ha spiegato, "è il mondo che sogniamo, e che con determinazione vogliamo costruire, sulla base di un agonismo sano, che veda sempre nell’avversario anche un amico e un fratello". E questo è alla base della visione cristiana dell'uomo: "Con questo atteggiamento, con questo cuore così allargato, ogni attività sportiva può essere chiamata gioco... La visione cristiana significa imparare a guardare gli altri e le cose con gli occhi stessi di Gesù... ascoltare le sue parole per capire i suoi sentimenti e cercare di imitare i suoi gesti".


La gratuità del dare

Ed è un augurio importante quello che il Santo Padre rivolge ai ragazzi del Centro sportivo italiano: "Possiate essere portatori di speranza in tutti gli ambienti nei quali vi trovate a vivere; e stare sempre vicino a chi tra voi è più debole a causa di una disabilità, in modo che partecipi alle varie attività insieme agli altri e non si senta mai escluso". L'incoraggiamento che il Pontefice ha rivolto è che la loro attività possa "essere ispirata alla gratuità: dare". Donarsi agli altri ed essere portatori di un messaggio di speranza, da divulgare attraverso la semplicità e la bellezza dello sport.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'ozono
LA RICERCA

Il buco dell'ozono ora è grande la metà, dicono gli scienziati

Per i rilevamenti del Cams al Polo Sud ha raggiunto le dimensioni minime dal 1985. Ma nel resto del mondo aumenta
Il ministro dell'Ambiente Sergio Costa
AMBIENTE

Primo stop del Conte II: forse slitta il decreto clima

Inizia il braccio di ferro con i renziani
Dispersione scolastica
RAPPORTO OXFAM

Cresce la dispersione scolastica

L'appello: "Il nuovo Governo investa nell’istruzione pubblica"
Italiani di seconda generazione
MIGRANTI

Istat: “I nuovi italiani sono oltre 1,3 milioni"

I bambini di seconda generazione costituiscono il 13% della popolazione minorenne
Il giornalista Angelo Paoluzi

È scomparso Angelo Paoluzi, firma del giornalismo italiano

Direttore di Avvenire, è noto il suo impegno per un'informazione cattolica
Migranti
MIGRANTI

Nuovi sbarchi a Lampedusa, hotspot in emergenza

Un centinaio di persone arriva direttamente in porto, il centro è sovraffollato. Altre 109 a bordo di Ocean Viking
Il ministro dell'Ambiente Sergio Costa
GOVERNO CONTE BIS

Decreto legge ambiente: sconti per chi rottama auto fino Euro4

Misure contro il consumo di plastica e per una mobilità sostenibile. Dal 2020 taglio 10% dei sussidi dannosi
OCSE

Crollano le richieste d'asilo in Italia: -58% nel 2018

Il dato nel rapporto annuale dell'Ocse "Migration Outlook". Lo scorso anno accolte oltre il 30% delle domande
Papa Francesco - Foto © Vatican Media
UDIENZA GENERALE

Papa Francesco: "Senza Dio, i governi cadono"

La catechesi del Pontefice sul discernimento e l'opposizione del potere
La stazione Centrale di Milano
MILANO

Aggredisce militare e grida "Allah Akbar": "Volevo essere ucciso"

Espulso dalla Germania, non risulterebbero legami con il terrorismo. L'uomo, irregolare in Italia, è yemenita
Poligono di tiro

Quattro milioni di italiani armati

Cresce del 4% all'anno il numero di cittadini che hanno in casa un fucile o una pistola, quasi sempre per uso sportivo. Porto...
Delfino
ANIMALI

Non solo l'uomo: la resistenza agli antibiotici colpisce anche i delfini

Uno studio mette in luce i trend in linea con quelli dell'uomo.