MARTEDÌ 15 MAGGIO 2018, 14:52, IN TERRIS


S. MARTA

"Anche io penso al mio congedo"

Il Papa sul saluto di Paolo agli anziani di Efeso: "Siate vescovi per il gregge, non per carriera"

SALVATORE CAPORALE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il Papa durante l'omelia
Il Papa durante l'omelia
"U

n commento più che un’omelia, un commento di questo brano". Perché "il testo parla da sé". Così si è espresso Papa Francesco questa mattina durante la celebrazione della Messa a S. Marta riferendosi alle letture del giorno e in particolare al passo degli Atti degli Apostoli in cui Paolo si congeda dagli anziani della Chiesa di Efeso sulla spiaggia di Mileto. "Quando io leggo questo, penso a me - ha confidato il S. Padre quasi al termine del suo commento - Penso a me pure, perché sono vescovo e devo congedarmi. Chiedo al Signore la grazia di potermi congedare così. E nell’esame di coscienza non uscirò vincitore come Paolo, ma il Signore è buono, è misericordioso". E, ha aggiunto Francesco, "penso ai vescovi, a tutti i vescovi: che il Signore dia la grazia a tutti noi di poterci congedare così, con questo spirito, con questa forza, con questo amore a Gesù Cristo, con questa fiducia nello Spirito Santo". E dunque, ha concluso, "preghiamo per tutti i vescovi, perché camminino su questa strada di Paolo per poter, alla fine, fare un testamento così".

Come riporta l'Osservatore Romano, il Papa ha infatti ricordato che "si è vescovi per il gregge e non per la carriera: l’ultimo consiglio presbiterale di san Paolo, un vero e proprio 'congedo', è il miglior 'testamento' possibile perché al centro di tutto c’è Gesù Cristo"."E' un passo forte, un passo che arriva al cuore - ha detto il Papa - ma è anche un passo che ci fa vedere il cammino di ogni vescovo all’ora di congedarsi". Riferendosi al discorso dell'Apostolo, il Papa ha ricordato che Paolo "dice quello che lui pensa che aveva fatto, quello che ha fatto, e lo sottopone al giudizio di tutti", come "una sorta di esame di coscienza del vescovo davanti al suo presbiterio. Leggendo questo con la nostra mentalità — ha continuato — può sembrare che Paolo sia un po’ orgoglioso, che Paolo si vanti troppo delle cose". Al contrario, "è oggettivo, dice quello che ha fatto" e "si vanta soltanto di due cose: si vanta dei propri peccati e si vanta della croce di Gesù Cristo che lo ha salvato". E in un altro passo, "guardando se stesso dice: 'Ma io sono un peccatore, ho perseguitato i cristiani, ho ucciso. Sono come il frutto di un aborto' — fa una descrizione forte di se stesso — 'ma mi vanto di tutto questo' e 'guardo il Signore ma anche mi vanto di Gesù che mi ha salvato, che mi ha chiamato, che mi ha scelto'". Quando Paolo "dice queste cose è oggettivo: dice quello che ha fatto, ma il suo spirito è lontano da ogni vanità umana. È reale". Perciò "dopo questo esame di coscienza così chiaro che abbiamo sentito, in un secondo passo dice: 'Ed ecco, dunque, costretto dallo Spirito, io vado a Gerusalemme'". Paolo vive "questa esperienza del vescovo: il vescovo che sa discernere lo Spirito, che sa discernere quando è lo Spirito di Dio che parla e che sa difendersi quando parla lo spirito del mondo".

Paolo sta andando a Gerusalemme dove lo attendevano persecuzione e sofferenze: "Va verso la tribolazione, verso la croce e questo ci fa pensare all’entrata di Gesù a Gerusalemme: lui entra per patire e Paolo va verso la passione" dicendo "a me non importa la mia vita, purché il Signore conduca a termine la mia corsa e il servizio che mi fu affidato". Così "porta il servizio, la vita; si vede il germoglio del martirio, il martire. Si offre al Signore, obbediente". Il terzo passo dell'Apostolo, "dopo aver fatto l’esame di coscienza, dopo aver detto dove andrà e cosa lo aspetta" è il congedo: l'espressione "non ci vedremo più - ha detto il Papa - è come se fosse la morte, con quella tenerezza".

Riferendosi alla seconda parte del discorso, che sarà letta domani, il Papa ha parlato di un testamento di Paolo: non "il testamento mondano", perché "il suo amore grande è Gesù Cristo" e "il secondo amore, il gregge". Piuttosto un'esortazione: "fate la veglia sul gregge; siete vescovi per il gregge, per custodire il gregge, non per arrampicarvi in una carriera ecclesiastica". Paolo "finisce con il cuore grande, il cuore umile di quell’uomo che sa che lui non può fare nulla: 'E ora vi affido a Dio e alla parola della sua grazia'". Come a dire: "Dio vi custodirà, lui vi aiuterà, vi darà la forza: lui ha la potenza di edificare e concede l’eredità fra tutti quelli che da lui sono santificati". Poi "torna un’altra volta sull’esame di coscienza: 'State attenti, non ho desiderato né argento né oro né il vestito di nessuno'. E' povero". Dopo la preghiera e il pianto c'è il commiato: "E lo accompagnarono fino alla nave". In queste parole ci sono "l’amore, la tenerezza dei presbiteri verso il loro vescovo: il bacio, l’abbraccio, il pianto. Il testamento di Paolo è una testimonianza, è anche un annuncio" ed "è anche una sfida: 'Io ho fatto questa strada. Continuate voi'".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Una foto di Mattia Torre sui social network
CULTURA

Addio allo sceneggiatore Mattia Torre

Famoso per aver scritto la serie tv di culto “Boris”, era malato da tempo
Un'immagine del Santuario di Lourdes
PELLEGRINAGGI

La diocesi del Papa in viaggio verso Maria

Pellegrinaggio mariano a Lourdes dal 26 al 29 agosto organizzato dal Vicariato
GRECIA

Terremoto in Grecia, paura ad Atene

Il sisma, di magnitudo 5.3, ha bloccato molti in ascensore
Per il 91% degli italiani, le recensioni di TripAdvisor sono attendibili
OCCHIO AL WEB

Recensione negativa per TripAdvisor

Il Consiglio di Stato ha multato la nota community di recensioni online
Bossoli
CAMORRA

Doppia "stesa" a Napoli: paura nella notte

Due bossoli davanti alla chiesa dove fu ucciso Genny Cesarano
PICCOLI SVANTAGGIATI

L'app per i bambini non udenti migliora la sua offerta

StorySign amplia i suoi contenuti a disposizione dei 32 milioni di minori privi di udito
NERA

Milano, 28enne morto in una piscina comunale

Sul caso indagano i Carabinieri, ipotesi aperte sul motivo del decesso
Luigi Di Maio
GOVERNO

Di Maio: "Escludo crisi, parliamo e andiamo avanti"

Così il vicepremier 5 stelle per allontanare le tensioni fra i due partiti alla guida dell'esecutivo
ALLERTA D'ESTATE

Vacanze e social: allarme furti

La denuncia shock di Skuola.net: "Più della metà si geolocalizza"
Dia
RAPPORTO

Dia: "Le operazioni finanziarie delle mafie sono al Nord"

Lʼallarme: "Dalla mafia nigeriana rischi di radicalizzazione islamica"
Ospedale Cardarelli di Napoli
NAPOLI

Furbetti del cartellino: 60 avvisi di garanzia al Cardarelli

Dipendenti dell'azienda ospedaliera si allontanavano in orario di lavoro
La cattedrale di Sarzana
LIGURIA

Sarzana, nuova mostra al Museo Diocesano

Rassegna culturale che ha come elemento centrale la misericordia