Perde la memoria dopo il parto, il gesto d'amore del marito

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

Sono milioni i film che hanno raccontato una storia d'amore. Sceneggiature ricche di romanticismo, magari condite con un po' di comicità, ma che alla fine si concludono nel modo in cui sognano tutte le giovani donne, ossia con il famosissimo lieto fine. Ma uno in particolare, vuole dimostrare come l'amore sia più forte di tutto, anche della perdita di memoria. 

50 volte il primo bacio

In “50 volte il primo bacio” troviamo Adam Sandler nei panni di un dongiovanni, e Drew Barrymore, giovane insegnante d'arte che, a causa di un incidente stradale soffre di una malattia cerebrale che, ogni notte, mentre dorme, le fa dimenticare tutto ciò che è avvnuto il giorno stesso. Lui si innamora di lei fin dal primo incontro e, dopo aver scoperto la sua malattia, cerca di conquistarla ogni giorno in modo diverso. Da quel momento una videocassetta aiuterà a far capire alla ragazza dove si trova e perché, spiegando anche cosa le è successo nel passato. 

Dalla finzione alla realtà

Non si potrebbe essere più nell'errore se si pensa che queste cose accadono solo nei film. Infatti, Steve Curto e sua moglie Camre, del Michigan, si sono trovati quasi nella stessa situazione. Dopo dieci anni di vita insieme nessun ricordo. E' accaduto nel giorno in cui Camre ha dato alla luce il suo bambino: a causa di un ictus causato da una condizione nota come eclampsia e una crisi epilettica, ha perso sia la memoria a lungo che a breve a termine. Suo marito, nella disperata ricerca di un modo che potesse aiutare la moglie a ricordare la loro relazione e i momenti più importanti della loro vita, ha scritto il libro “But I Know I Love You” (ma so che ti amo), pubblicato in occasione del loro quarto anniversario di matrimonio. Un gesto d'amore che non ha eguali. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.