Primo piano

Il Milan si blocca, Inter e Napoli scappano

Solo un pari per il Milan nel primo scontro al vertice di questo campionato. Al Gewiss di Bergamo è 1-1, con la Dea che va avanti nel primo tempo grazie ad una perla di Ruslan Malinovsky che nonostante sia pronto a lasciare Bergamo, ha deciso di salutare la sua gente come meglio non avrebbe potuto, trasformando l’unica palla gol capitata alla Dea nel primo tempo con un rigore in movimento, tre metri fuori l’area e gran sinistro alle spalle di Maignan. Nella ripresa il pari del Milan che ha attaccato a testa bassa. Attivissimo Bennacer che si vede respingere una conclusione velenosa da Musso, ma a stretto giro trova il pari con un gran sinistro a giro, palla che bacia il palo e finisce in rete: 1-1. Il Milan continua a provarci alla ricerca del gol partita, l’Atalanta riparte solo in controgioco e pensa più a proteggere il pari. Alla fine è 1-1.

Napoli show, travolto anche il Monza

Il Napoli è una macchina da guerra. Dopo il 5-1 di Verona, gli azzurri si ripetono alla prima in casa, travolgendo il malcapitato Monza. Finisce 4-0. Partita sbloccata con Kvaratskhelia che prima trova il tiro a giro per il vantaggio, poi la doppietta personale in occasione del 3-0. Tra i due gol la rete di Osimhen in contropiede. Nel recupero il Napoli cala il poker con Kim. Solo panchina per gli ultimi arrivati Raspadori, Simeone e Ndombele.

L’Inter c’è, frena la Lazio

Troppa Inter per il piccolo Spezia. I nerazzurri dominano i liguri e a San Siro firmano la seconda vittoria di fila: finisce 3-0 per Inzaghi. Sblocca nel primo tempo Lautaro Martinez dopo un assist di Lukaku. Poi il belga colpisce la traversa e il “Toro” sfiora il 2-0. A inizio ripresa raddoppia Calhanoglu, nel finale chiude i conti il subentrato Correa. Due partite, due vittorie, l’Inter va. Finisce 0-0 la sfida tra Torino e Lazio. Al Grande Torino match equilibrato, ma decisamente avaro di emozioni: i granata provano a imporre il proprio gioco aggressivo, ma non si fanno praticamente mai vedere dalle parti di Provedel, mentre i biancocelesti si rammaricano per un paio di ghiotte occasioni non sfruttate da Immobile nella ripresa. Un punto a testa, alla fine, per Juric e Sarri.

Berardi lancia il Sassuolo, stop Fiorentina

Dopo la sconfitta di Torino, primo acuto per il Sassuolo che al Mapei batte un attento e tonico Lecce. A decide la gara contro i salentini, un gol pazzesco di Domenico Berardi con una conclusione al volo da fuori area. Pari al Castellani tra Empoli e Fiorentina con i padroni di casa costretti a giocare gran parte della partita in inferiorità numerica. Stecca invece la Viola, incapace di fare breccia nella retroguardia empolese. Pari tra Udinese e Salernitana e pari anche al Dall’Ara tra Bologna e Verona (1-1)

Massimo Ciccognani

Share
Published by
Massimo Ciccognani

Recent Posts

Chi erano i santi Quirico e Giulitta

Santi Quirico e Giulitta, martiri, Iconio (Turchia), ?- Tarso (Turchia), 304 ca. Giulitta, nobile e…

16 Giugno 2024

Campagna Apmo contro il rischio cecità. Sos prevenzione

Il principale obiettivo dell'Associazione pazienti malattie oculari (Apmo) è di evitare ipovisione e cecità. "Vogliamo…

16 Giugno 2024

“E’ più bello insieme”: iniziativa Caritas per l’infanzia ucraina

Iniziativa Caritas per l'Ucraina: vacanze solidali per settecento bambini. Con l'arrivo del primo gruppo di…

16 Giugno 2024

Perché la fede è come un seme

Come un piccolo granello di seme formerà un giorno un albero meraviglioso, così è la…

16 Giugno 2024

“Spostapoveri”: scelta ecologica razionale o necessità sociale?

Lo “spostapoveri” è un termine (reso famoso e consacrato da un film del 2021, dal…

16 Giugno 2024

Tre parabole per imparare dalla natura

Siamo al capitolo quarto del vangelo di San Marco, il capitolo delle parabole. L'evangelista ne…

16 Giugno 2024