In chiesa ruba un crocefisso, arrestato 27enne in Emilia

Ennesimo furto in chiesa. I casi di sottrazioni di oggetti sacri dai luoghi di culto cattolici sono così frequenti che le cronache non ne danno quasi più notizia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:30
Ancora una chiesa presa di mira dai ladri. E’ l’ultimo di una serie di furti sacrileghi che attraversa l’Italia. I casi di sottrazioni di oggetti sacri dai luoghi di culto cattolici sono così frequenti che le cronache non ne danno quasi più notizia.

Razzia in chiesa

Aveva rubato un prezioso crocifisso dalla chiesa, ma il parroco lo ha scoperto e denunciato ai carabinieri. È successo a Guastalla, nella Bassa Reggiana quando, riferisce l‘Ansa, al termine di una messa nella Basilica della Pieve era sparito l’antico oggetto sacro in ottone risalente al 1800. Il sacerdote ha segnalato il furto in caserma spiegando che aveva visto un giovane aggirarsi con fare furtivo.

Già noto alle forze dell’ordine

Sospetti che alla fine si sono rivelati fondati. Dopo un’indagine lampo i militari sono andati a casa del ragazzo, un 27enne di Guastalla già noto alle forze dell’ordine, dove hanno trovato proprio il crocifisso poi restituito. Ora l’uomo dovrà rispondere in tribunale dell’accusa di furto aggravato. In Italia ai parroci, ma anche ai custodi di conventi, fondi o archivi della Chiesa, la Conferenza episcopale ha inviato un vademecum.

Il Papa con i pastori della Chiesa italiana

Indicazioni della Cei ai parroci

Il documento della Cei indica i momenti e comportamenti più pericolosi. Dalle scale da tenere sempre all’esterno al flusso dei fedeli. Con capitoli su valutazione e riduzione del rischio di furto. Tutela dei beni asportabili. Salvaguardia dal degrado ambientale. Collegamenti con le centrali dell’Arma. Per contrastare l’escalation di furti nelle chiese, Cei e ministero dell’Interno hanno da tempo comunicato ai parroci una serie di accorgimenti da adottare. E cioè: attenzione agli ingressi aperti quando non è in corso la funzione. Ancoraggi per i piccoli oggetti e illuminazioni adeguate per evitare zone cieche. Ma anche gestione degli impianti di sicurezza. Prevenzione degli incendi e consigli pratici su cosa fare in caso di furto.

Sicurezza in chiesa

Sono alcuni dei punti chiave delle “Linee guida per la tutela dei beni culturali ecclesiastici”, realizzate dal Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale con l’Ufficio Nazionale per i Beni culturali ecclesiastici.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.