Primo piano

Roma, tensione post-derby: scontri con la polizia

Al termine del match tra Lazio e Roma, valido per i quarti di finale di Coppa Italia, le due tifoserie sono entrate in contatto nei pressi dello Stadio Olimpico. Lanci di pietre e cariche della Polizia. Scaramucce anche durante la partita, con lanci di fumogeni dagli spalti. Nel pre-gara, alcuni tifosi laziali avrebbero effettuato saluti romani nella zona di Ponte Milvio.

Alta tensione dopo il derby

Tensioni fuori dall’Olimpico prima e dopo il derby di Coppa Italia Lazio-Roma. Gesti e canti fascisti prima della partita da parte di alcuni tifosi laziali, scontri con la polizia da parte di ultras romanisti al termine dell’incontro.

Il primo grave episodio, che segue le polemiche per i saluti romani alla commemorazione per tre giovani del Fronte della gioventù uccisi ad Acca Larentia nel 1978, è accaduto a Ponte Milvio, dove un gruppo di tifosi biancocelesti si è dato appuntamento prima di andare allo stadio Olimpico: qui hanno fatto il saluto fascista intonando “Avanti ragazzi di Buda”, canto ungherese degli anni ’50 contro la dittatura sovietica che è annoverato tra le canzoni dell’estremismo di destra. “Nascosta tra i libri di scuola anch’io porterò una pistola”, dice un verso della canzone.

Scontri a Ponte Milvio

Dopo la partita vinta dalla Lazio, sono stati alcuni tifosi della Roma ad essere protagonisti di momenti di tensione: due gruppi di duecento persone ciascuno hanno tentato di raggiungere la zona di Ponte Milvio mentre era in corso il deflusso dallo stadio, per entrare in contatto con i tifosi laziali. Ci sono stati anche lanci di pietre e petardi contro le forze dell’ordine, che però sono riuscite ad impedire il contatto ed hanno risposto con alcune cariche, disperdendo gli assalitori.

Tre tifosi sono stati fermati dalla polizia e la loro posizione è al vaglio. Sono stati avviati gli accertamenti per risalire agli altri partecipanti agli scontri.

Tensione sugli spalti

Clima teso anche sugli spalti nel pre-partita di Lazio-Roma. Durante il riscaldamento delle due squadre c’è stato uno scambio di petardi e fumogeni tra le due tifoserie. In particolare a cavallo tra la Curva Sud (occupata dai tifosi giallorossi) e la Tribuna Tevere (occupata dai tifosi biancocelesti). A osservare la scena anche José Mourinho, avvicinatosi insieme al team manager giallorosso, per capire cosa stesse succedendo tra i due settori. Non c’è stato comunque bisogno dell’intervento delle forze dell’ordine.

Fonte: Ansa

redazione

Recent Posts

Antonio da Padova, il santo di tutti

Parlare di Antonio di Padova, uno dei santi più venerati della Chiesa, significa ricordare la…

13 Giugno 2024

Sant’Eliseo: ecco cosa significa il suo nome

Sant'Eliseo, profeta dell'Antico Testamento, S. ELISEO Profeta dell'Antico Testamento Palestina, ?- Samaria (Palestina), 790 a.C.…

13 Giugno 2024

Ue-Africa: le politiche migratorie dopo il voto europeo

Un ponte tra Ue e Africa dopo le elezioni europee. Oltre alla guerra scatenata dalla…

13 Giugno 2024

Iraq, la diaspora dei cristiani

In Iraq più del 90 per cento dei cristiani fuggiti da Mosul non pensa di…

13 Giugno 2024

La grande sfida del G7: usare l’intelligenza (umana)

La questione del finanziamento della resistenza ucraina all’invasione russa con i beni del Cremlino all’estero…

13 Giugno 2024

Siccità in Italia: è già emergenza

"Al momento abbiamo una severità idrica alta per quanto riguarda la Sicilia, che è la regione del…

13 Giugno 2024