Riforma del Csm: il 16 maggio lo sciopero dei magistrati

La decisione è stata presa nell'assemblea nazionale straordinaria del 30 aprile scorso: a favore hanno votato 1081 magistrati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:22

Si terrà il 16 maggio lo sciopero dei magistrati contro la riforma del Csm. Lo ha deciso la giunta dell’Anm. La decisione è stata presa “in attuazione della mozione approvata dall’Assemblea nazionale straordinaria del 30 aprile scorso”. Si tratterà di un’ “astensione totale dei magistrati dalle loro funzioni, salvi i limiti derivanti dal codice di Autoregolamentazione”. Spiega in una nota la segreteria generale dell’Anm.

Il via libera all’astensione

Le toghe avevano dato il via libera all’astensione con 1081 voti a favore, 169 contrari e 13 astenuti, dopo un dibattito di otto ore al quale hanno partecipato come ospiti anche parlamentari esperti del ramo giustizia.

Le dichiarazione del presidente Anm nel suo intervento

Abbiamo assistito all’accentuazione delle criticità della riforma” e “siamo qui per trovare forme di protesta che siano anche attraverso atti che manifestino all’esterno le ragioni delle nostre obiezioni alla riforma che sarà inutile e credo anche dannosa”, ha sottolineato Giuseppe Santalucia, presidente dell’Anm, nel suo intervento all’assemblea in “convocazione straordinaria” e che ha contato sulla partecipazione al voto di oltre 1423 magistrati.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.