Minacce a Di Maio, condanna bipartisan

Insulti via social al ministro degli Esteri e a tutti i napoletani, la reazione di condanna della politica è unanime

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:57

“Ti vogliamo morto insieme a tutti i napoletani”, è minaccia via social diretta a Luigi Di Maio, ministro degli Esteri e esponente di spicco del Movimento Cinque Stelle. Di fronte a questa intimidazione la solidarietà della politica è stata trasversale e ha coinvolto tutti i partiti di maggioranza e opposizione.

Le parole degli alleati di governo

Il capo politico dei pentastellati Vito Crimi ricorda l’impegno Di Maio “per aiutare il Paese ad affrontare l’emergenza” del Covid-19, mentre i capigruppo al Senato e alla Camera, Gianluca Perilli e Davide Crippa, si dicono certi che il loro collega di partito “non si farà intimidire e continuerà il suo lavoro al servizio della collettività“.    

Il capogruppo del Partito democratico alla Camera, Graziano Delrio, definisce “gravissime” le minacce subite dal ministro degli Esteri Di Maio: “Anche questo allarmante episodio dimostra quanto sia urgente e necessario agire per sconfiggere l’intolleranza e l’odio che avvelenano la nostra convivenza”. 

Sulla stessa linea anche Italia Viva, il capogruppo al Senato Davide Faraone commenta: “ai napoletani, vittime della rabbia, del veleno e della violenza che va contrastata, nelle piazze e sui social. Con fermezza”.

La solidarietà dell’opposizione

I capigruppo della Lega, Riccardo Molinari e Massimiliano Romeo, si augurano “che vengano individuati presto i responsabili di questi gesti vigliacchi“. Mara Carfagna, vice presidente della Camera e deputata di Forza Italia scrive sui social: non c’è limite all’odio. Oggi colpisce anche Luigi Di Maio e i napoletani. Al ministro va la mia solidarietà. A chiunque sui social o altrove si permetta di offendere Napoli, l’invito a visitare la città. Avrà tanto da imparare e da amare.

Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia, ricorda le divergenze politiche con Luigi Di Maio, ma spiega che “la contrapposizione politica e il confronto delle idee non devono mai sfociare nell’intolleranza, in nessuna delle sue forme. A lui va la totale solidarietà da parte mia e di FdI per le minacce ricevute da alcuni haters”

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.