VENERDÌ 23 NOVEMBRE 2018, 10:55, IN TERRIS


LA NOMINA

Fratelli d'Italia: Paolo Diop responsabile immigrazione

Il giovane d'origine senegalese: "Prima volta di un nero nominato nella destra nazionalista"

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Paolo Diop con Francesco Storace e Giorgia Meloni - © PicchioNews
Paolo Diop con Francesco Storace e Giorgia Meloni - © PicchioNews
"C

on Giorgia Meloni ci siamo trovati subito perché alla fine i nostri ideali sono gli stessi". Così Paolo Diop a Radio Cusano Campus sottolinea la sua nomina a responsabile immigrazione di Fratelli d'Italia. "Francesco Storace ha fatto da tramite - racconta - e una volta che ci siamo incontrati abbiamo capito che potevamo lavorare bene insieme. L'acquisto migliore del Black Friday l'ha fatto Giorgia Meloni, mettiamola così".

Il giovane d'origine senegalese spiega poi il lavoro che lo aspetta:  "Mi dovrò occupare di tutto quello che riguarda le problematiche dell'immigrazione: come vengono gestiti i soldi dell'accoglienza e come integrare quelle persone che sono sul territorio italiano e si sentono ghettizzati. Devono integrarsi, nel rispetto della cultura identitaria italiana". Diop ha inoltre detto che "FdI vuole che le espulsioni siano immediate, non possiamo più accettare che accadano altri casi come quelli di Desireè. A una persona che non può sostentarsi, non ha un lavoro, bisogna togliere il permesso e bisogna rimpatriarla perché altrimenti diventa manodopera per la criminalità organizzata". Inoltre riconosce a Giorgia Meloni di essere stata "coraggiosa e innovativa", perché "è vero che la Lega ha Tony Iwobi, però nella destra nazionalista non era mai successo che venisse nominato un nero come responsabile dell'immigrazione. Questo è un messaggio forte e naturalmente non tutti a destra possono apprezzarlo, ma starà a me farmi apprezzare e amare, un po' come devono fare gli immigrati che arrivano in Italia. Inevitabilmente saremo sempre più multietnici, ma non dobbiamo inciampare nell'errore che hanno commesso gli altri Paesi europei, che non sono rimasti fedeli alla propria identità e alla propria cultura. Ognuno deve mantenere le proprie origini, ma deve rispettare e far sua la cultura del Paese che lo ospita". Nel pieno del dibattito sul tema dello Ius soli, Paolo Diop si è speso per esprimere la sua contrarietà a questa misura. Nel settembre in un'intervista a In Terris aveva spiegato: "Con la legislazione vigente la persona straniera ha modo di potersi integrare veramente, di guardare alla cittadinanza come al compimento di un percorso culturale. Invece con lo Ius soli si renderebbe tutto talmente più facile e scontato da svuotare di senso l’appartenenza alla comunità nazionale".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Simbolo Eurostat
COMUNITÀ EUROPEA

Eurostat: debito in crescita nel 2018

Il deficit è invece sceso al 2,1%, dal 2,4% del 2017
Armando Siri
IL CASO

Siri, Salvini: "Giudici facciano in fretta"

Il vicepremier: "Si è colpevoli solo con condanna". Morra: "Intollerabile presenza nel governo"
Coltello
ROMA

Gli vede il crocifisso al collo, tenta di sgozzarlo

Il fatto alla vigilia di Pasqua vicino la stazione Termini. Marocchino l'aggressore
Il luogo dell'incidente sul lavoro
TAINO | VARESE

Precipita in fabbrica: morto figlio del titolare

Inail: nel 2019 + 3,5% di morti bianche rispetto allo stesso periodo dello scorso anno
Offerte di lavoro

Aiuti al Sud

Andranno in vigore dal primo maggio esoneri contributivi per le aziende che assumono a tempo indeterminato i...
Una scarpa abbandonata, una delle immagini simbolo del massacro
STRAGE DI PASQUA

Sri Lanka, chi sono le vittime del massacro

Britannici, statunitensi, indiani, cingalesi: 290 vite spezzate dalla follia del terrorismo