GIOVEDÌ 11 LUGLIO 2019, 14:54, IN TERRIS


RIFORME

Autonomia, ancora nessun accordo tra Lega e M5s

Fumata nera nel vertice di governo: posizioni distanti su scuola e gabbie salariali

GIUSEPPE CHINA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Luigi Di Maio e Matteo Salvini
Luigi Di Maio e Matteo Salvini
S

i conclude con l'ennesimo nulla di fatto il vertice di governo che avrebbe dovuto dare il via libera al provvedimento per l'istituzione dell'autonomia regionale differenziata. All'uscita dal consesso dell'esecutivo, la maggior parte degli uomini alla guida del Paese è scura in volto a causa del flop. Le posizioni delle due forze di governo non potrebbero essere più distanti. Dalla Lega fanno sapere: "Invece di andare avanti si torna indietro". E ancora: "Inutile sedersi a un tavolo che non funziona, con persone che il giorno prima chiudono accordi e poi cambiano idea e fanno l'opposto". Inevitabili ed altrettanto secche le repliche del Movimento 5 stelle: "Al vertice Autonomia oggi la Lega ha proposto di inserire le gabbie salariali, ovvero alzare gli stipendi al Nord e abbassarli al Centro-Sud. Per il M5S è totalmente inaccettabile". 


I protagonisti dell'appuntamento

Ci sono Conte, Salvini, Di Maio, Giorgetti, l’onnipresente Stefano Buffagni per i 5 stelle, e tutti i ministri competenti in materia, da Barbara Lezzi per il Sud a Erika Stefani, la madrina leghista della riforma. E poi ancora il titolare dei Beni culturali Alberto Bonisoli, quello dei Rapporti con il Parlamento Riccardo Fraccaro, il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti. C’è anche la ministra della Salute Giulia Grillo. E ci sono anche i viceministri all’Economia Laura Castelli e Massimo Garavaglia. Praticamente tutto il governo. D'altronde non poteva essere diversamente data l'importanza della questione. Fin da subito, però, emergono le spaccature su scuola e gabbie salariali. È dal fronte leghista che emergono primi segni di inquietudine e insoddisfazione: "Il Movimento condanna il Sud all'arretratezza". Con l'alleato che ribatte: "Questi messaggi della Lega sono una follia". 


Le dichiarazioni dei big

Il primo a commentare è il vicepremier leghista Matteo Salvini: "Così non si va avanti, non è possibile. Prima si fa un passo avanti e poi si fanno due passi indietro. Prima avanziamo e ora vogliono bloccare tutto punto". Ancora più tranchant la ministra per gli Affari regionali Erika Stefani: "M5s nega il principio stesso dell'autonomia. EÈ nel contratto di governo, se qualcuno ha cambiato idea basta che lo dica e non si va ulteriormente avanti". È il capo politico del Movimento 5 stelle che si prende l'incarico di rispondere alla controparte. "Per me l'autonomia non è il tema: il tavolo - ha dichiarato Luigi Di Maio - si è bloccato sulla regionalizzazione della scuola. Un bambino non sceglie in quale regione nascere". 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Giovani universitari - foto di repertorio
ROMA

A scuola di politica nella diocesi del Papa

Da giovedì a sabato la “Summer School” del Vicariato di Roma. La “lectio magistralis” sarà...
TUTELA MINORI

Ostia: foto a bimbi in costume, arrestati

Nei confronti dei due indagati sono stati disposti ulteriori accertamenti
Maria Antonietta Rositani e l'ex marito
BARI

Si aggravano le condizioni di Maria Antonietta Rositani

La donna, bruciata dall'ex marito mesi fa, è stata operata d'urgenza all'intestino
CLIMA

Meteo: caldo in ripresa al Centro-Sud

Le ultime analisi degli esperti fanno temere anche temperature sopra la media
Saracinesche abbassate
CONFESERCENTI

Commercio in tilt: chiudono 14 negozi al giorno

Una "emorragia che ha bruciato almeno 3 miliardi di euro di investimenti delle imprese"
Vittima di sparatoria in Messico
MESSICO

Sparatoria in un bar di Acapulco: 5 morti

Anche 6 feriti, le vittime sarebbero tutte persone del luogo
I soccorsi
ALPINISMO

Recuperato l'alpinista piemontese ferito in Pakistan

"Francesco Cassardo è sull'elicottero verso Skardu" ha detto il compagno di cordata

Cosa sta accadendo alla Deutsche Bank?

C'era una volta la banca. Qualcuno inizierebbe così la narrazione di quello che è successo al...
Sacerdoti africani si preparano a una funzione liturgica a Glasgow, in Scozia
MISSIONE VANGELO

Il lato cattolico d'Africa

In occasione dei 50 anni del Secam, il punto su un Continente con la popolazione cattolica in più rapida crescita
Un incendio esteso nello Stato di Alberta, Canada
OCCHIO SULL'ARTICO

In fiamme l’ex regno dei ghiacci perenni

Il Circolo Polare brucia, oltre 100 incendi da giugno