RYAN ADAMS ANNUNCIA IL REMAKE DI “1989” DI TAYLOR SWIFT

ULTIMO AGGIORNAMENTO 5:00

Ryan Adams, il 41enne cantautore e chitarrista statunitense di genere alternative rock e country, con un post su Instagram e Twitter ha informato i fan del suo nuovo progetto: incidere un rifacimento di tutto l’album “1989” di Taylor Swift, in pratica, una “coverizzazione” integrale del famoso disco. La giovane cantante country, anch’essa statunitense, si era imposta al pubblico mondiale nel 2006 con il suo primo album in studio, “Taylor Swift” che vendette oltre cinque milioni di copie. Il singolo Love Story, di due anni più tardi, è diventato la canzone country più venduta della storia. “1989” è il quinto album in studio della Swift; pubblicato nel novembre del 2014, è diventato come prevedibile un grande successo con ben 7 mln di copie vendute in tutto il mondo. Il video del terzo estratto, “Bad Blood” è entrato nella storia per essere il più visto in 24 ore, con oltre 21 milioni di visualizzazioni in un giorno.

Nei giorni scorsi Adams – all’anagrafe David Ryan Adams – ha fatto affiorare sui social alcuni “assaggi” delle sue versioni delle canzoni dell’album, fra cui “Shake It Off”, “All You Had To Do Was Stay”, “Wildest dreams” e “Bad Blood”. Adams, che ha annunciato che non dimenticherà di realizzare rifacimenti anche delle tre bonus track del disco (“Wonderland”, “New Romantics” e “You Are In Love”) ha assicurato i suoi fan che anche una copertina del suo lavoro sarà un rifacimento della copertina di “1989”. La nuova fatica rappresenterebbe il quindicesimo album in studio prodotto dal cantautore, in attività dal 1994, dopo che il suo ultimo album, intitolato semplicemente “Ryan Adams” uscito l’anno scorso, è divenuto famoso per aver ospitato, alla chitarra, l’attore Johnny Depp.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.