Il rapper Rocco Hunt dice addio ai social

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:34

Ha parlato di “decisione onesta” il rapper campano Rocco Hunt in merito alla sua scelta di ritirarsi dalla musica. Una decisione che, almeno per ora, ha scatenato il terrore nei fan. Ma il cantante originario di Salerno sembra aver preso la cosa molto seriamente. Lo dimostra il suo profilo Instragram, deprivato delle innumerevoli foto tranne una in cui si legge lo sfogo dell'artista: “Mi hanno privato e ancora adesso mi stanno privando della mia libertà. Sono anni che continuamente vi prometto che l’album nuovo uscirà presto e per un motivo o per un altro non riesco a condividerlo con voi. Siamo cresciuti insieme attraverso la mia musica e ci siamo emozionati durante i concerti ed io mi sono sempre sentito come se fossi stato nel pubblico con voi. Ovunque sono andato mi avete fatto sentire a casa (per questo vi ringrazio) e spero che per voi sia stato lo stesso. Ma adesso non me la sento più di continuare e credo sia meglio lasciarvi con il bel ricordo che avete di me. Ho troppe pressioni e forse è arrivato il momento di mollare tutto e darla vinta a tutte le persone che vorrebbero la fine della mia musica. Ho creato tante aspettative che non riesco a mantenere. Ho sentito il bisogno di sfogarmi con voi e dirvi che per adesso mollo tutto. Purtroppo mi sembra la decisione più onesta da prendere” scrive l'artista.

Addio sofferto

L'immagine del profilo Instagram del rapper, seguito da 717mila utenti, è una foto total black in segno di lutto. Come sottolinea nel post, il cantante confessa di non reggere le pressioni del mondo musicale, spesso coronato di sponsorship ed eventi collaterali. E così, per il poeta urbano, come egli stesso ama definirsi, non resta che chiudere con la musica per ora, in nome di una privacy e tranqullità tanto agognate. L'addio del rapper è una scelta sofferta, perché giunta al culmine del successo. Vincitore di Sanremo Giovani nel 2014, Hunt non ha smesso di esibirsi. L'ultima sua apparizione risale alla scorsa settimana, quando si è esibito al Jova Beach Party presso Castel Volturno. Eppure, tutto questo non fa la felicità: “Mi stanno privando della mia libertà” ha dichiarato. Per lui, non resta che ritirarsi temporaneamente, in attesa che torni presto per la gioia dei suoi fan.

#show_tweet#

Vip a-social

L'addio di Rocco Hunt non è il primo. Qualche mese fa era toccato all'attrice Ambra Angiolini salutare i suoi fan digitali, chiudendo il suo account Instagram. Stessa cosa per Lapo Elkann che, all'indomani di uno scandalo in cui sarebbe stato coinvolto, ha sancito, con la chiusura del suo profilo, l'inizio di una nuova vita: “Oggi comincia una nuova fase per me – personale e professionale – e la vorrei vivere nella vita reale, “offline”, anziché in quella virtuale” ha scritto nel suo ultimo post. L'addio ai social non è un fenomeno solo italiano: oltreoceano, l'attrice e cantante Selena Gomez, la più seguita su Instagram dopo Cristiano Ronaldo – 152 follower – non ha lesinato dure critiche, rivendicando la vita reale che il mondo virtuale impatta nel quotidiano: “Penso che sia diventato davvero malsano per i giovani, me compresa, passare tutto il proprio tempo a fissare quei commenti.  Instagram mi faceva sentire depressa,male con me stessa, mi faceva vedere il mio corpo diversamente” ha confessato lei stessa in un'intervista rilasciata al sito Indipendent. Negli Stati Uniti, la chiusura degli account ha investito anche la politica. Protagonista la deputata democratica 28enne, Alexandria Ocasio Cortez, tra i politici più attivi nel mondo social, che ha messo al bando i suoi account Twitter ed Instagram, considerandoli un “rischio per la salute pubblica”: “Ci sono effetti negativi per tutti: per i giovani, per i bambini al di sotto dei tre anni che passano molto tempo davanti allo schermo, per gli anziani. I social media aumentano il rischio di isolamento, depressione, ansia, dipendenza, estraniamento” ha detto Cortez in un’intervista rilasciata a Yahoo News.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.