GLI STONES PENSANO AD UN NUOVO ALBUM, PRIME REGISTRAZIONI NEL 2016

ULTIMO AGGIORNAMENTO 5:30

A dare la notizia del possibile nuovo disco è il cantante dei Rolling Stones Keith Richards, in un intervista a  Entertainment Weekly dove parla del suo terzo album da solista “Crosseyed Heart” previsto per il 18 settembre. “Sto cercando di portare gli Stones in sala registrazione. – Spiega Richards – Ma onestamente non credo sia possibile quest’anno. Mi piacerebbe iniziare a registrare in aprile, dopo il tour in Sudamerica. Ma so come sono fatti i ragazzi, quando finiamo un tour non hanno voglia di fare nulla.”

Sono passati 10 anni dall’ultimo lavoro degli Stones “A Bigger Bang”, che vendette quasi due milioni e mezzo di copie in tutto il mondo e riscosse enorme successo ai botteghini, registrando sold-out per ognuna delle 90 tappe previste del tour di promozione, spesso entro pochi minuti dalla messa in vendita dei biglietti. Questo del 2016 potrebbe essere l’album numero 25 per la leggendaria band britannica che dal 1962 scrive la storia del rock ‘n roll.

Nel frattempo è già possibile ascoltare in anteprima – sul canale “officialkeefVEVO” di Youtube – il prossimo singolo “Trouble” tratto dall’ultimo lavoro da solista di Richards. Da tempo il cantante avrebbe in cantiere questo progetto che arriva a 23 anni dal suo precedente sforzo solitario. “Il mio primo dovere di sono gli Stones”, continua Richards tenendo a precisare che lavora ai suoi progetti personali soltanto quando il gruppo “va in ibernazione”.

Al disco hanno collaborato anche grandi artisti come Nora Jones e il saxofonista Bobby Keys che è tristemente venuto a mancare poco dopo le registrazioni. L’ormai settantaduenne frontman degli Stones sarà anche il soggetto di un nuovo documentario di Netflix intitolato “Keith Richards: Under the Influence” e diretto da Morgan Neville in uscita a settembre sulla piattaforma di streaming americana.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.