Ruspa abbatte casa abusiva di nomadi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:14

Questa mattina a Carmagnola (Torino), dove amministra la Lega, è stata abbattuta una casa abusiva in un campo Sinti non autorizzato. Dalle parole ai fatti”. E' quanto scrive su Twitter il ministro dell'Interno Matteo Salvini. All'opera una ruspa, dunque, mezzo che è diventato negli anni un po' uno dei simboli della Lega guidata dall'attuale vicepremier.

Le ruspe di Salvini

Era l'aprile 2015 quando Salvini affermò: “Cosa farei io al posto di Alfano (che all'epoca era ministro dell'Interno, ruolo ricoperto oggi dal leader del Carroccio, ndr) e Renzi? Con un preavviso di sfratto di sei mesi, visto che non c’è la bacchetta magica e non si fa niente in quarto d’ora, io preannuncio la ruspa e poi spiano, rado al suolo tutti i campi rom”. Più di recente, nell'aprile di quest’anno, dopo un’aggressione a dei poliziotti avvenuta nel campo rom di via Gordiani a Roma, aveva spiegato su Twitter di avere “pronta una democratica e pacifica ruspa”. Il primo maggio, poi, aveva postato sui suoi canali social un video in cui la ruspa la guidava, domandando “Faccio bene?” con l’hashtag #andiamoagovernare.

La polemica sui censimenti dei rom

Prosegue intanto la polemica sul censimento dei rom. Su Facebook Salvini ha annunciato: “Io non mollo e vado dritto! Prima gli italiani e la loro sicurezza”. E mentre il deputato di Liberi e Uguali, Roberto Speranza, annuncia di denunciare Salvini per istigazione all'odio razziale, interviene il portavoce della Commissione Europea, Alexander Winterstein: “Non si può espellere un cittadino comunitario sulla base della sua etnia. È super chiaro che non è legale”. Poi rispondendo alle domande dei cronisti Winterstein aggiunge: “Non posso escludere contatti” con le autorità italiane, “ma non posso neppure annunciarli”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.