RIENTRO DEI CAPITALI: PROROGATA LA DEADLINE PER LA VOLUNTARY DISCLOSURE

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:40

Consiglio dei ministri lampo a Palazzo Chigi. Appena un quarto d’ora per varare due decreti. Il primo, e più atteso, è quello che consente la proroga per il “voluntary disclosure”, cioè l’emersione dei capitali detenuti all’estero, e azzera la clausola di salvaguardia sulle accise dei carburanti, la quale sarebbe dovuta scattare domani a causa della bocciature del reverse charge da parte dell’Unione Europea. Il secondo provvedimento varato, invece, riguarda le finanze degli Enti pubblici.

La dilazione della “voluntary” allunga i tempi per la presentazione delle domande, la deadline ora è fissata al 30 novembre, e stabilisce nel 31 dicembre la scadenza per l’integrazione della documentazione. Il governo utilizzerà il nuovo gettito accertato dalla Agenzia delle Entrate grazie alla disclosure per “scongiurare l’aumento delle accise che sarebbe scattata automaticamente il primo ottobre per effetto della clausola posta inizialmente a copertura dell’ammanco di 728 milioni di euro derivato dal no della Commissione Ue alla richiesta dell’Italia di una deroga alla normativa Ue per l’applicazione dell’inversione contabile a super e ipermercati”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.