Primo caso a Firenze: l'uomo era tornato da Singapore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:13

E'risultato positivo al tampone del coronavirus l'uomo d'affari rientrato a Firenze da Singapore circa venti giorni fa. E' il primo caso positivo a Firenze. Da ieri è ricoverato, in isolamento, all'ospedale Santa Maria Annunziata di Ponte a Niccheri, nel comune di Bagno a Ripoli. Al primo tampone era risultato negativo, solo il secondo test, effettuato nella notte, ha confermato la positività al Covid -19. Nelle prossime ore è attesa la conferma dell'Istituto superiore di Sanità. Gli esami previsti dal protocollo sono stati eseguiti all’ospedale di Careggi. Lo scrive La Nazione.it. È risultata invece negativa al tampone del coronavirus una donna italiana che ieri sera, arrivata in treno da Venezia alla stazione di Firenze, è stata soccorsa dai sanitari perché accusava alcuni sintomi febbrili. Per lei, solo una semplice influenza. La stazione fiorentina è rimasta regolarmente aperta.

Palermo, primo caso al Sud

E' risultata positiva al coronavirus anche una turista di Bergamo in vacanza a Palermo. Lo conferma la Regione siciliana che dice: “Abbiamo un sospetto caso positivo risultato tale all'esame del tampone”. Disposta la quarantena per il gruppo di amici della donna e per le persone che sono state a stretto contatto coi turisti. Era in vacanza con un gruppo di amici in un hotel che si trova nel centro del capoluogo siciliano. La donna ieri sera era stata ricoverata nell'ospedale Cervello per i controlli dopo aver mostrato sintomi influenzali: dopo la visita della guardia medica, è stata portata nel nosocomio per l'esame dei tamponi. Questo è il primo caso di coronavirus accertato nel Sud Italia.

Tenerife

Sempre nelle scorse ore, unache un altro turista italiano è risultato positivo al test mentre si trovava in vacanza a Tenerife, nelle Canarie. Lo riporta la stampa locale. L'uomo – un medico proveniente da una delle zone d'Italia colpite dal coronavirus, probabilmente la Lombardia – avrebbe iniziato a sentirsi male mentre era in vacanza ed è andato alla clinica Quiron, nel sud dell'isola spagnola, intorno alle 13 con la febbre dove è stato ricoverato e messo in isolamento come misura preventiva. E' poi risultato positivo al test eseguito nel laboratorio di microbiologia dell'Ospedale universitario Nuestra Señora de Candelaria, secondo fonti di Europa Press. La notizia è stata confermata dal presidente delle Isole Canarie, Ángel Víctor Torres, sull'account Twitter ufficiale: “Oggi saranno fatti nuovi test a Madrid”, ha comunicato il presidente canario spiegando che il protocollo corrispondente è stato attivato ieri sera – lunedì 24 febbraio – e che il medico italiano sarà sottoposto oggi a nuove analisi eseguite dal Centro nazionale di microbiologia dell'Istituto sanitario Carlos III di Madrid, in Spagna. C'è un primo caso sospetto anche nelle Asturie, nel nord della Spagna. Si tratterebbe di un giovane di 25 anni di ritorno dopo una vacanza in Italia nelle zone colpite dal coronavirus. Si attendono i risultati del test.

Diamond Princess

Salgono a quattro le vittime sulla nave da crociera Diamond Princess, ancorata nel porto di Yokohama, in Giappone. La vittima è morta in Giappone dopo essere stata portata in ospedale dal periodo di quarantena osservato all'interno della Diamond Princess, come riporta la tv pubblica nipponica Nhk, secondo cui la vittima è un uomo ultraottantenne. In Cina si registrano 2.663 morti a cuasa del virus e 77.658 casi di infezione. In Italia i decessi finora sono stati sette.

Valle d'Aosta

“Al momento non esistono casi di coronavirus, nemmeno sospetti, in Valle d'Aosta”. Lo comunica il Governo della Regione autonoma Valle d'Aosta dopo i risultati, giunti stanotte, degli esami sui tamponi dei sei casi sospetti che sono stati eseguiti in laboratori di Milano e Torino. “Tutti i test hanno dato esito negativo”, si legge in una nota ripresa sa Ansa. L'emergenza coronavirus è gestita da un'unità di crisi istituita dalla Protezione civile, con l'Usl della Valle d'Aosta e con la Centrale unica del soccorso.
   

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.