Muro contro muro Lega-Colle su Savona

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:32

Giornali e politici tedeschi insultano: italiani mendicanti, fannulloni, evasori fiscali, scrocconi e ingrati. E noi dovremmo scegliere un ministro dell'Economia che vada bene a loro? No, grazie! #primagliitaliani”. Lo scrive su Twitter il leader della Lega Matteo Salvini in merito all'ipotesi del professore Paolo Savona al Mef, poco gradita al Colle.

Fratelli d'Italia

La presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, attacca il Quirinale. “Su Paolo Savona, una nuova inaccettabile ingerenza di Mattarella, dopo l'ostinazione a non conferire l'incarico di governo al centrodestra. Ho comunicato a Salvini che Fratelli d'Italia, pur senza aver cambiato idea sul governo giallo-verde, offre il suo convinto aiuto per rivendicare il diritto di un governo a scegliere un ministro dell'economia non indicato da Bruxelles. L'Italia è ancora una nazione sovrana, Juncker e la Merkel se ne facciano una ragione”. Altri esponenti politici (ad esempio Alessandro Di Battista e Luigi di Maio) si sono schierati a favore di Savona e contro Mattarella.

Robero Fico

Dal Salone del Libro di Napoli, il presidente della Camera, Roberto Fico (M5S), ha parlato di Savona incalzato dai cronisti che chiedevano un suo commento personale. “È un'interlocuzione tra il Presidente della Repubblica e il presidente del Consiglio incaricato. Lasciamo a loro. Io spero che si vada avanti”. “In questo momento – ha poi aggiunto – il presidente del Consiglio incaricato insieme al Presidente della Repubblica sta lavorando per riuscire a dare un governo al Paese. Speriamo che arrivi il prima possibile”. 

Infine, sull’accordo del Movimento 5 Stelle con la Lega, il presidente della Camera ha detto di aspettarsi “un’alleanza parlamentare, la nostra è una Repubblica parlamentare. Su dei punti il Parlamento fa nascere una maggioranza. Funziona così”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.