La tecnologia rilancia l'impresa, ma mancano 45 mila tecnici digitali

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:07

Aziende in ripresa per effetto dell’innovazione tecnologica.  Le ultime rilevazioni dell’Istat attestano che la produzione industriale in Italia ad agosto è aumentata dello 0,3% rispetto a luglio. “Non c’è mai stato, nella Storia, un momento migliore per essere un lavoratore con competenze speciali e la giusta formazione: con le tecnologie oggi disponibili, queste persone possono creare e attrarre valore in ogni campo”, dichiarano al Sole 24 Ore Erik Brynjolfsson e Andrew McAfee, studiosi del “Center for digital business” del Mit di Boston, autori del libro La nuova rivoluzione delle macchine (Feltrinelli) sul futuro del lavoro. L'innovazione tecnologica si conferma un asset fondamentale per le prospettive di crescita e di sviluppo del sistema produttivo del paese.

Le sinergie tra aziende ed enti di ricerca

Per questo le associazioni di categoria,  in maniera pragmatica, si impegnano sempre più per creare  le condizioni per una collaborazione utile fra sistema della ricerca e dell’innovazione e le imprese. Aziende ed enti di ricerca moltiplicano le opportunità per dialogare, collaborare e integrare le proprie attività. In Italia, tra il 2019 e il 2021 le sole imprese del settore Ict (tecnologie dell’informazione e della comunicazione) avranno bisogno di quasi 45 mila tecnici. Un fabbisogno che il mercato difficilmente riuscirà a soddisfare. “La previsione è frutto di un’elaborazione Confindustria (area Lavoro, welfare e capitale umano) su dati Istat e Unioncamere- sottolinea il Sole 24 Ore-. E trova solide conferme anche in altre fonti. Secondo l’ultima edizione dell’Osservatorio delle competenze digitali (condotto da Anitec-Assinform, Aica, Assintel e Assinter Italia), la stima del fabbisogno del settore Ict sale a 62.359 lavoratori, nello scenario più conservativo, e fino a 88.358 in quello più spinto”. L’Osservatorio calcola che i lavoratori più ricercati (e meno trovati dalle aziende) saranno sviluppatori (49,1%), consulenti Ict (16,3%), analisti di sistema (7,5%) e specialisti in media digitali (6,1%). Seguiti da specialisti di big datamachine learningcybersecurity e intelligenza artificiale.

Il mercato esige competenze digitali

“Le competenze digitali sono l’unico investimento strategico per il lavoro che cambia», spiega al quotidiano della Confindustria, Laura Di Raimondo, direttore Asstel, l’associazione che riunisce le imprese della filiera Tlc. Una sfida che si può affrontare solo “ripensando gli attuali modelli educativi: oggi per molte professioni emergenti non esistono percorsi formativi adeguati”. Il riferimento è al potenziale inespresso degli Istituti tecnici superiori (Its). Il solo canale di formazione terziaria professionalizzante presente in Italia (nato nove anni fa per formare tecnici altamente specializzati in aree tecnologiche strategiche) non è mai decollato. Gli allievi italiani iscritti agli Its sono meno di 20mila, contro i quasi 900 mila studenti delle Fachhochschule tedesche e i 250mila delle scuole francesi. “Tutto questo nonostante l’80% dei diplomati Its lavori a 12 mesi dal diploma (dati Miur), percentuale che sfiora il 100% nel Nord Est, dove la Corvallis di Padova ha annunciato la nascita del primo Its ospitato all’interno di un’azienda”, sottolinea il Sole 24 Ore. Nell’epoca della trasformazione digitale la formazione “deve essere continua – aggiunge Di Raimondo – per dare sostenibilità sul lungo periodo al capitale umano, dotandolo di un mix di competenze in evoluzione e, proprio per questo, a prova di futuro”. Anche in questo caso le statistiche possono orientare le decisioni. Secondo una ricerca appena condotta da Bynata per ServiceNow su 1.820 professionisti europei assunti a tempo indeterminato in aziende con più di 500 dipendenti, dopo che queste hanno adottato alti livelli di automazione, il 62% dei lavoratori si dichiara più soddisfatto, il 71% riporta maggiore soddisfazione dei clienti, il 72% ammette un miglioramento della produttività e il 62% dichiara di avere più tempo per le attività creative. Nella filiera rappresentata da Asstel, cuore del settore italiano dell’Ict, negli ultimi 4 anni i dipendenti con un’età maggiore di 55 anni hanno raddoppiato la loro quota, passando dal 6 al 12% della forza lavoro. Anche a causa dell’aumento dell’età pensionabile previsto dalla Riforma Fornero. “Per il nostro settore è decisivo sviluppare iniziative di reskilling e trasformazione professionale“, evidenzia al Sole 24 Ore, Di Raimondo, che ricorda l’importante sperimentazione avviata con il “Contratto di espansione” introdotto dal decreto Crescita: uno strumento -con cui “sarà possibile offrire prospettive a giovani e percorsi di aggiornamento o di uscita sostenibili a chi è nel mondo del lavoro da molto tempo”.

Piattaforma di incontro

Ieri si è conclusa con un notevole successo di pubblico a Roma la settima edizione di Maker Faire Rome 2019l'evento europeo più importante dedicato all'innovazione tecnologica. Nei tre giorni della manifestazione sono state oltre 100 mila le presenze totali; più di 28mila studenti hanno partecipato all'Educational Day del venerdì, mentre 25mila tra studenti e insegnanti hanno partecipato alle attività didattiche nell'area Young della fiera. Un grande afflusso di pubblico che si è riscontrato anche nell’area SporTech, una delle novità di questa edizione: solo negli stand dedicati a sport e tecnologia si sono, infatti, affollati oltre 8mila partecipanti impegnati a fare sport. “Anche quest'anno i dati sull'affluenza sono stati eccezionali – afferma il presidente della Camera di Commercio di Roma, Lorenzo Tagliavanti -, ma ciò che mi preme sottolineare è l'altissimo livello qualitativo dei progetti esposti, che permettono a questa fiera di essere ormai considerata una piattaforma di incontro irrinunciabile tra scienza, accademia, grandi e piccole imprese, imprenditori, professionisti, nonché appassionati di tecnologia, famiglie e studenti”. Ogni rivoluzione industriale ha richiesto, per dare frutti, anche una mutazione della forza lavoro e del suo modo di pensare l’azienda, di partecipare alla produzione, di immaginare beni e servizi. “Come quando, circa 120 anni fa, le fabbriche americane iniziarono a elettrificare le proprie linee di produzione, contribuendo al compimento della seconda rivoluzione industriale – puntualizza il quotidiano diretto da Fabio Tamburini -. In quelle fabbriche, però, la produzione non crebbe per i successivi 30 anni. Un tempo sufficiente affinché i dirigenti che avevano introdotto quell’innovazione andassero in pensione”. Quelle persone avevano sostituito le macchine a vapore con motori elettrici, ma non avevano riorganizzato le fabbriche per sfruttare i vantaggi dell’elettricità. “Lo fece la generazione successiva, che oggi chiameremmo la generazione dei digital maker- osserva il Sole 24 Ore-. Se la scuola deve essere capace di formarli, le imprese devono essere in grado di attrarli e non farli scappare”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.