I sovranisti tedeschi bocciano il Governo: “Sono pazzi questi romani”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:27

Quando la Ue respinge il bilancio italiano, il ministro Salvini sbraita: 'nessuno toglierà un euro dalle tasche degli italiani'. Ma gli sfugge apparentemente che l'Italia senza la flebo della Ue sarebbe fallita da tempo. Come si può vendere agli europei il concetto che in futuro 400 mila o 500 mila italiani andranno anticipatamente in pensione, ma anche che ci sarà un reddito minimo e una flat tax? Questi sono atti di beneficenza di uno Stato sociale che altri Paesi membri non osano neanche sognare”. Non stupisce che l'ennesima bocciatura nei confronti della manovra italiana giunga da nord delle Alpi. Stupisce, piuttosto, che a rivolgerla al Governo giallo-verde non siano quelli che vengono definiti “burocrati”, bensì dai sovranisti di Alternative für Deutschland (AfD), attraverso un post su Facebook della sua leader, Alice Weidel. La quale ritiene che “l'Italia concede un'amnistia agli evasori, conosce appena un'imposta sul capitale e ha una ridicola imposta di successione”

“L'Italia – spiega la presidente del partito sovranista – si affida alla solidarietà europea o sul fatto che la Bce annulli i suoi debiti obbligazionari. In questo modo la Germania sarà ancora una volta l'ufficiale pagatore”. La Weidel ricorda che “di fronte ai piani italiani, gli esperti finanziari hanno i capelli dritti: con 132% del Pil ci si permette una quota doppia di quella tedesca. Ma Roma ha un monte debiti ormai difficilmente abbattibile di 2,3 mila miliardi di euro. Già da tempo gli italiani benestanti hanno trasferito i loro patrimoni all'estero. Alla gran parte del popolo non va male, è lo Stato ad essere povero“. “Sono pazzi questi romani” conclude la leader dell'AfD, parafrasando la nota frase di Asterix. Nel corso della campagna elettorale, Matteo Salvini è stato utilizzato dall'AfD su alcuni manifesti in cui viene definito “amico”. In un'intervista ad In Terris pubblicata oggi, Petr Bystron, uno dei fondatori del partito, ha citato il ministro dell'Interno italiano come un esempio sul fronte della lotta all'immigrazione irregolare: “Certamente l’immigrazione illegale può essere fermata, come Matteo Salvini sta dimostrando in modo veloce ed efficace, e come anche l’Australia ha dimostrato negli anni scorsi”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.