Campidoglio, il giudice Sabella sarà il nuovo assessore alla legalità

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:19

Il magistrato Alfonso Sabella sarà il nuovo assessore alla Legalità del Comune di Roma. 52 anni, nato a Bivona, nell’Agrigentino entrerà a far parte della giunta di Roma. “Sono venuto a incontrare il vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura- ha detto il sindaco Marino – perché sono nelle fasi finali di orientamento per la costituzione della nuova giunta e sento la necessità di una figura di straordinaria professionalità nel settore della legalità e del contrasto alla criminalità”. Marino ha poi aggiunto: “Sono venuto per un confronto con una persona che stimo moltissimo e che occupa un ruolo di istituzionale- ha aggiunto il sindaco- dal quale dipende l’autorizzazione nel caso di trattasse di un magistrato. La decisione ci sarà spero in tempo brevissimi”.

Ora sarà il Consiglio superiore della Magistratura a concedere, su richiesta di Marino, il distacco a Sabella che non è un giudice qualsiasi: con le sue indagini ha catturato tra gli altri Leoluca Bagarella, Giovanni Brusca e Pasquale Cuntrera, quando era nel pool antimafia di Palermo guidato all’epoca da Giancarlo Caselli. Il cacciatore di mafiosi (titolo del suo libro pubblicato nel 2008) è già a Roma, in quanto giudice a piazzale Clodio. Dopo il lavoro negli anni Ottanta con Giovanni Falcone, è stato anche capo del Dipartimento di Amministrazione penitenziaria ai tempi del G8 di Genova, ma fu rimosso dall’incarico dal ministro della Giustizia Roberto Castelli. La sorella Marzia, per anni a Palermo, è attualmente consulente della commissione parlamentare Antimafia: fino a un mese fa a Palermo si è occupata della ricerca di Matteo Messina Denaro, l’ultimo grande latitante.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.