Al via lo sciopero generale: possibili disagi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:46

Dai trasporti alle scuole, passando per la sanità. Si temono disagi per lo sciopero di tutti i settori pubblici e privati proclamato da Cub, Sgb, Si-Cobas e Usi-Ait e per quello di tutte le categorie, pubbliche e provate promosso da Usi e Sisa

Due, quindi, le azioni di protesta comunicate alla Commissione di garanzia degli scioperi, che dureranno per tutta la giornata di oggi. Per il trasporto ferroviario la mobilitazione è iniziata già alle 21.00 di ieri e durrerà 24 ore , mentre per i vigili del fuoco la protesta è limitata dalle 8 alle 14. 

Trasporto locale

A Roma l'azienda dei trasporti Atac fa sapere che l'agitazione interesserà tutti i collegamenti Atac e le linee periferiche gestite dalla Roma Tpl: saranno comunque in vigore le fasce di garanzia, con servizio regolare fino alle 8,30 e dalle 17 alle 20. A Milano l'Atm ha, invece, reso noto che per i mezzi di superficie l'agitazione è prevista dalle 8.45 alle 15 e dalle 18 a fine servizio; mentre le metro saranno regolari fino alle 18 e quindi l'agitazione è prevista dalle 18.00 al termine del servizio.

Treni

Ferrovie dello Stato, da parte sua, ha comunicato che le Frecce dell'alta velocità circoleranno regolarmente; mentre per i treni regionali saranno garantiti i servizi essenziali (dalle 6.00 alle 9.00 e dalle ore 18.00 alle ore 21.00). Sarà inoltre garantito il servizio Leonardo express fra Roma Termini e l'aeroporto di Fiumicino. Italo ha pubblicato sul proprio sito l'elenco dei treni garantiti. Trenord ha fatto sapere che viaggeranno i treni presenti nella lista dei servizi minimi garantiti e che rientrano nelle fasce orarie garantite 6.00-9.00/18.00-21.00.

Aerei

Possibili disagi anche per il trasporto aereo a Milano, per gli scioperi di 24 ore della Sea (la società che gestisce gli aeroporti di Malpensa e Linate) e di Airport Handling proclamati dal Cub-Trasporti.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.