A24-A25, la concessionaria: “Sbloccate i fondi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:37

Lettera di diffida al ministero dei Trasporti da parte di “Strada dei Parchi” – concessionaria di A24 (Roma-L'Aquila-Teramo) e A25 (Roma-Chieti-Pescara) – per chiedere lo sblocco dei 192 milioni per la messa in sicurezza dei viadotti, fondi inseriti nel decreto Genova.

La richiesta

Si chiede di “voler adottare senza ulteriore indugio e comunque entro e non oltre 5 giorni ogni atto autorizzativo teso a consentire l'avvio di lavori urgenti o comunque ritenuti necessari, con ogni conseguente assunzione di responsabilità in caso di ulteriori ritardi e/o espresso diniego”. Il vicepresidente della concessionaria, Mauro Fabris, ha spiegato che l'atto formale non vuole generare “allarmismo, che non condividiamo” ma serve unicamente a tutelare gli “utenti di A24-A25”. Strada dei Parchi, ha aggiunto, è “sicura al traffico normale, tenendo presente però che il 60% delle infrastrutture in Italia non è a norma antisismica: il nostro gesto è necessario perché devono essere sbloccati i decreti autorizzativi che il ministero deve emanare”.

La querelle

Il ministro Danilo Toninelli aveva definito “allarmanti” le condizioni di alcuni piloni delle due linee autostradale. La concessionaria per tutta risposta aveva suggerito la lettura del report redatto dopo i sopralluoghi avvenuti il 12 settembre e l'8 ottobre scorsi ed elaborato da un gruppo di specialisti che, su indicazione del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e in base alla nuova normativa, aveva effettuato controlli sull'intero tracciato. Gli esperti sono arrivati alla conclusione che l'autostrada “non è pregiudicata la stabilità e la sicurezza dell'opera nelle normali condizioni di servizio”. Secondo la Società, dunque, “l'autostrada è sicura, fatti salvi i rischi che possono derivare da possibili eventi sismici, cosa che rende necessari e urgenti – come reiteratamente chiesto dalla concessionaria e certificato dallo stesso Mit – lavori per la messa in sicurezza antisismica”. Da lì la richiesta di sblocco dei fondi arrivata oggi. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.