Il turismo riparte dalla cultura

Dopo la grande mostra dedicata ad Amedeo Modigliani, Livorno celebra un altro suo grande figlio e artista: Pietro Mascagni. Festival Internazionale e cultura

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:58
E’ la cultura il petrolio dell’Italia. Per ripartire dopo il lockdown il turismo italiano punta sulla ricchezza della cultura nazionale. E così la città di Livorno lancia il Festival Mascagni. nell’anno del 130° anniversario della prima di “Cavalleria Rusticana“. Dopo la grande mostra dedicata ad Amedeo Modigliani, Livorno celebra un altro suo grande figlio e artista. Il Festival Internazionale Pietro Mascagni si terrà dal 9 al 19 settembre alla Terrazza Mascagni sul lungomare della città, luogo suggestivo dedicato proprio al compositore labronico, dopo un’anteprima prevista per il 2 agosto nella storica Fortezza nuova, in occasione del 75° anniversario della sua scomparsa. La città di Livorno, in un anno pur così difficile, lancia un Festival dedicato a Mascagni proprio nell’anniversario del 130° della prima rappresentazione del suo capolavoro “Cavalleria rusticana”. Il Festival è promosso dall’amministrazione comunale insieme con la Fondazione Teatro Città di Livorno “Carlo Goldoni”.

Cultura

Oltre agli eventi di spettacolo, sono tre le recenti iniziative editoriali legate a Livorno ed al nome di Mascagni: il dvd Iris di Pietro Mascagni edito da Bongiovanni, registrazione live effettuata al Teatro Goldoni di Livorno il 16 dicembre 2017; il volume “Mascagni e Livorno-Un caso internazionale” di Fulvio Venturi per dreamBOOK edizioni e di prossima uscita, proprio in occasione del Festival, ”Mascagni”, Monologo di Alessandro Brucioni e Michele Crestacci con allegato cd delle musiche mascagnane di scena (Massimo Signorini, fisarmonica) per Sillabe editore. La figura di Mascagni – Non solo “Cavalleria rusticana”. Pietro Mascagni (1863-1945) è un artista che ha segnato la storia della musica dalla fine dell’Ottocento alla seconda metà del Novecento. Un genio diventato celebre fin da giovane quando a 27 anni vinse il concorso della casa editrice musicale Sonzogno trasformando in un’opera lirica la novella di Verga e scrivendo una pagina cruciale del verismo musicale italiano.

Pio XII

Eppure Mascagni è per certi versi un genio “dimenticato”, associato unicamente a Cavalleria rusticana (1890) che ancora entra nei cartelloni lirici dei teatri di tutto il mondo. Il maestro di Livorno, dove nacque nel 1863 e dove ha iniziato la sua formazione musicale, è stato prolifico compositore, rinomato direttore d’orchestra, rappresentante dell’Italia in numerosi consessi musicali internazionali, sperimentatore di partiture per il cinema (per il quale scrisse la prima colonna sonora Rapsodia satanica, cosa di cui andò sempre particolarmente fiero). E poi amico di Puccini, intimo di D’Annunzio (un sodalizio da cui scaturì Parisina), legato da un rapporto personale con Papa Pio XII. È autore di 15 opere (fra cui L’Amico Fritz, Guglielmo Ratcliff, Iris, Lodoletta), l’operetta Sì, partiture sinfoniche, numerosi lavori di musica sacra (fra cui la “Messa di Gloria“), ed altre composizioni. Insomma, un artista da riscoprire.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.