USA, TRUMP: “SCUSE? IO NON HO OFFESO NESSUNO!”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:15

Non smette di far parlare di sé, in positivo o in negativo come in questo caso, l’uragano Donald Trump. Dopo le frasi sessiste rivolte alla giornalista di Fox News, che hanno sollevato un polverone mediatico e scatenato un verso e proprio fronte anti-Trump nel partito Repubblicano, il miliardario non si scusa. Anzi, rincara la dose: “Solo una persona malata può aver pensato mi riferissi al ciclo mestruale”. Il candidato repubblicano per le primarie si è rifiutato oggi di fare ammenda per le affermazioni sessiste nei confronti della giornalista che ha fatto da moderatrice con gli altri aspiranti conservatori alla Casa Bianca.

Trump, che ormai ha fatto delle sue provocazioni un vero e proprio punto di forza che riesce ad annichilire la concorrenza, questa volta potrebbe aver segnato però un autogol. L’imprenditore americano ha infatti suggerito che le domande incalzanti della conduttrice Megyn Kelly fossero dovute al suo ciclo mestruale: “Si vedeva sangue che usciva dai suoi occhi, sangue che usciva da tutte le parti”, ha affermato Trump parlando con la Cnn venerdì.

Sempre alla stessa emittente televisiva, oggi il candidato ha sostenuto che le sue affermazioni sono state equivocate. Solo persone “malate” o “devianti” possono aver pensato che quelle parole fossero riferite al ciclo della donna, ha accusato. “Io amo le donne, io voglio aiutare le donne”, ha aggiunto. Quando gli hanno chiesto perché gli altri candidati e osservatori conservatori hanno raggiunto la stessa conclusione sul suo commento, Trump ha risposto: “Vogliono essere politicamente corretti. Vogliono guadagnare punti: io guido i sondaggi”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.