Siria, Mogherini replica a Kerry: “Aleppo è andata? L’Ue proteggerà i civili”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:11

“Dall’Ue sentirete sempre un richiamo alla cessazione dei bombardamenti e alla protezione dei civili”. Lo ha assicurato l’Alto Rappresentante Ue per la politica estera, Federica Mogherini, ai “Dialoghi Mediterranei” di Roma, in riferimento alle parole del segretario di Stato Usa John Kerry che ieri ha detto che “Aleppo è andata”. “Io tuttora ritengo che abbiamo una responsabilità politica e militare di proteggere i civili e consentire loro di uscire dalla città, e di assicurare l’arrivo di cibo e medicinali”, ha aggiunto.

“Siamo gli unici a fare qualcosa per la Siria. Al realismo brutale di Trump, noi proponiamo quel che muove l’Unione europea: pragmatismo e principi”, ha aggiunto, ricordando che l’Unione ha stanziato finora 9 miliardi di euro per la Siria.

“E’ il momento di sondare il terreno con le potenze regionali anche ora che il conflitto è in corso – ha proseguito – Abbiamo parlato con Ban Ki moon, Riad, Teheran, Egitto, Giordania, Emirati, Qatar. Europa e Medio Oriente condividono lo stesso mare. Le potenze regionali non devono influire sulla Siria ma devono mettersi d’accordo sul perimetro in quale i siriani potranno vivere ed esprimersi”. “L’Ue ritiene di dover seguire un percorso politico che non deve essere ostaggio delle dinamiche militari. Molti conflitti sono stati risolti con soluzioni negoziali anche durante il conflitto stesso e cioè senza che ci sia un cessate il fuoco”, ha sottolineato.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.