Puigdemont: “Vergognoso l'appoggio Ue a Madrid”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:30

In una lettera aperta pubblicata da Ara, Carles Puigdemont è tornato a denunciare la “decadenza democratica dello Stato spagnolo e e gli abusi di una Ue che ha appoggiato in maniera vergognosa le azioni repressive spagnole“. Per il presidente deposto, la situazione creata in Catalogna dall'intervento di Madrid, con una parte del Govern in carcere e l'altra in esilio, il parlamento chiuso, “è chiaramente contraria allo stato di diritto e all'ordinamento europeo”.

La manifestazione

Accuse che giungono dopo la grande manifestazione andata in scena in tutta la Generalitat. Migliaia di persone sono scese in piazza per chiedere la liberazione dei “10 “detenuti politici” – 8 membri del Govern destituito e due leader indipendentisti – in carcere a nella capitale spagnola e per sostenere la presidente del Parlament Carme Forcadell che rischia a sua volta di finire in carcere con 5 membri dell'Ufficio di Presidenza. Tutti sono accusati di “ribellione”.

Alla sbarra

L'Audiencia Nacional di Madrid ha intanto confermato il carcere preventivo per i “due Jordi“, Sanchez e Cuixart, incriminati per “sedizione” per le manifestazioni pacifiche del 20-21 settembre a Barcellona. Ma per la prima volta un giudice si è dissociato e ha definito “sproporzionato” il loro arresto. La Corte Costituzionale, come previsto, ha invece annullato su richiesta del governo spagnolo la dichiarazione di indipendenza catalana del 27 ottobre. E in un'intervista alla Bbc il ministro degli esteri Alfonso Dastis ha ipotizzato un referendum nazionale per modificare la Costituzione e venire incontro ad alcune delle richieste catalane.

I ricorsi

La Corte europea dei diritti umani, da parte sua, ha confermato di aver ricevuto i primi ricorsi contro lo stato spagnolo firmati da Puigdemont e Forcadell, per i veti della consulta spagnola al Parlament. Altri ricorsi sono in preparazione contro l'arresto di mezzo Govern, i “maltrattamenti” ai ministri, le violenze contro i civili ai seggi il 1 ottobre, le “irregolarità” nelle procedure. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.