Olanda e Gran Bretagna già al voto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:10

Iniziano ufficialmente le elezioni europee. Oggi alle urne si recano i cittadini di Paesi Bassi e Regno Unito. Gli occhi, ovviamente, sono puntati sugli exit poll, con i timori dei governi europei – e in particolare dei partiti storici europeisti – l'ondata populista e sovranista, in attesa dei risultati ufficiali dell'intero blocco comunitario domenica

Alle urne

Dopo l'Olanda, seggi aperti anche in Gran Bretagna: i cittadini del Regno Unito si recheranno alle urne per eleggere i loro eurodeputati, pensando però alla Brexit dopo la giornata caotica di ieri in cui la premier Theresa May è stata di nuovo sotto attacco all'interno del suo stesso partito. L'inquilina di Downing Street resiste arroccata sulle sue posizioni ma cresce sempre di più la fronda interna, come dimostrano anche le dimissioni di ieri sera di Andrea Leadsom, ministro per i rapporti con il Parlamento, il 36esimo ministro a lasciare l'esecutivo May, il 21esimo per dissensi sulla Brexit. 

Voto surreale

Elezioni surreali quelle europee in un Paese che dopo il referendum del 2016 in cui scelse di lasciare l'Ue, mai avrebbe pensato di parteciparvi. E la sfiducia verso Bruxelles e le istituzioni comunitarie, così come la protesta contro il governo di Londra che non è ancora riuscito a trovare un accordo per uscire dal consesso europeo, è evidente anche nei sondaggi: le ultimi analisi davano il partito Brexit di Nigel Farage in forte vantaggio con il 37% delle preferenze, seguito dai Liberal-Democratici europeisti con il 19%, poi i laburisti al 13% e i Tory solo quinti con il 7%.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.