L'India annulla l'autonomia del Kashmir

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:21

La rivendicazione unitaria del Kashmir da oggi è più lontana. Nelle prime ore della mattina (ora locale), il governo indiano ha promosso un decreto che revoca lo status di autonomia della regione. Secondo quanto ha dichiarato il Ministro dell'Interno indiano, Amit Shah, ai membri della Camera alta, non solo Nuova Delhi ha deciso di ritirare lo status speciale della regione autonoma, a nche anche dividerla in due micro-territori. Il princiapto di Jammu e Kashmir avrà una sua legislatura ma sarà amministrato dall'esecutivo centrale. Si apre, così, un aspro capitolo per la storia di una regione martoriata da rivendicazioni, guerre e contese.

La regione contesa

Il Kashmir è da anni al centro di un conflitto che vede due Paesi contendersi la regione: da una parte il Pakistan, dall'altra l'India. Quando, nel 1947, i due stati, rispettivamente musulmani e induisti, si sono resi indipendenti dalla Gran Bretagna, il principato di Jammu e Kashmir è stato accorpato all'India con riprovazione del Pakistan, da sempre interessato alle amministrazioni di Azad Kashmir e Gilgit-Baltistan su un 43% della regione controllato dall'India. La regione divenne, così, uno stato cuscinetto oggetto di frequenti contese da ambo le parti, al punto che non passò molto tempo dallo scoppio della prima guerra del Kashmir. Fu necessario l'intervento delle Nazioni Unite per creare una suddivisione amministrativa fra i due Paesi. L'Onu dovette reintervenire anche nel 1965, quando cioè la guerra indo-pakistana mietè diverse migliaia di vittime in cinque settimane.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.