L'adulterio non è più reato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:41

In India l'adulterio non è più reato. Lo ha deciso la Corte suprema del Paese asiatico, dichiarando incostituzionale una legge del codice penale, che risaliva a 160 anni fa e all'epoca coloniale: una legge che considerava la donna un oggetto, lasciando al marito la possibilità di decidere se le relazioni sessuali della moglie con un altro uomo fossero causa di reato o meno. 

La decisione

Finora, un uomo che aveva un rapporto carnale con una donna sposata, senza il permesso del marito, era ritenuto colpevole del reato di adulterio e rischiava fino a 5 anni. “Qualunque disposizione che considera la donna in un livello di diseguaglianza non è costituzionale”, ha detto il presidente della Corte, Dipak Misra. “E' arrivato il momento di dire che il marito non è il proprietario della sua sposa. La superiorità legale di un sesso su un altro è sbagliata”, ha proseguito il presidente del massimo organo giudiziario, insistendo sul'”arbitrarietà” dell'articolo. 

Uguaglianza

La sentenza arriva dopo un'altra decisione storica: nelle settimane passate, il massimo organo giudiziario indiano ha infatti dichiarato incostituzionale un articolo dell'epoca vittoriana con cui si penalizzavano le relazioni omosessuali. Non è chiaro quanti uomini siano stati perseguiti, perché non ci sono dati disponibili. Ma la legge era perfettamente in linea con la società indiana che continua ad essere in maniera predominante patriarcale, con una marcata predilezione per i maschi, che perpetuano la stirpe e garantiscono entrate. Tra l'altro le donne in India in molti casi continuano a pagare costose doti (che sono illegali) per entrare nella famiglia del marito. La sentenza è arrivata dopo un ricorso presentato da un uomo, secondo cui la legge era discriminatoria tanto nei confronti degli uomini che delle donne.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.