Incendio doloso alla Kyoto animation: decine i morti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:50

Incendio doloso in uno studio di animazione di Kyoto, in Giappone. L'incendio ha interessato uno studio della Kyoto animation, una importante casa di produzione di 'anime' giapponesi. Secondo fonti dei vigili del fuoco, potrebbero essere almeno 33 le persone morte. Al momento del rogo, all'interno dei locali c'erano circa 70 persone e quasi tutte sarebbero rimaste ferite in modo più o meno grave. Non ci sono dubbi sulla natura dolosa dell'incendio: un uomo aveva fatto irruzione nell'edificio e sparso del liquido infiammabile per innescare le fiamme. Il soggetto è stato arrestato dalla polizia locale. Aveva fatto irruzione nell'edificio e sparso del liquido infiammabile per innescare le fiamme. Entrando, dopo aver dato fuoco, avrebbe gridato: “Ora morite”. Qualcuno è riuscito a uscire ma circa la metà degli impiegati è rimasta bloccata nell'edificio a tre piani. della Kyoto animation. Il pluripremiato studio d'animazione giapponese fondato nel 1981 è considerato uno tra i migliori al mondo per il suo eccezionale comparto tecnico e famoso, tra l'altro, per opere come La malinconia di Haruhi Suzumiya.

I soccorsi

Le persone che si trovavano nella zona hanno raccontato di aver sentito una serie di esplosioni e anche di aver visto una colonna di fumo nero uscire dall’edificio in cui si trova lo studio. I soccorritori hanno allestito una tenda fuori dall'edificio per fornire assistenza ed accogliere le persone presenti al momento dell'incendio, una settantina in tutto, uscite in un fuggi fuggi generale. Ci sarebbero ancora dei dispersi. Tra i feriti ci sarebbe anche l’uomo che è sospettato di aver provocato l’incendio: si tratta di un quarantunenne trasportato in ospedale. “Un uomo ha gettato un liquido e dato fuoco”, ha detto un portavoce della poliziadi Kyoto all'agenzia di stampa AFP. Per il momento non sono stati forniti altri dettagli del sospettato o possibili motivi. Alcuni testimoni hanno detto di aver visto il piromane gridare “muori” e poi lanciare il liquido. Sarebbero stati trovati anche dei coltelli sulla scena.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.