Il Consiglio d'Europa scrive all'Italia: “Chiarite i rapporti con la Libia”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:45

Il consiglio d’Europa, massima autorità del Vecchio Continente in materia di diritti umani, ha scritto all’Italia chiedendo chiarimenti sul suo accordo con la Libia. In una lettera del commissario dei Diritti umani Nils Muiznieks al ministro degli Interni Marco Minniti si legge: “Le sarei grato se potesse chiarire che tipo di sostegno operativo il suo governo prevede di fornire alle autorità libiche nelle loro acque territoriali

In particolare, nella missiva inviata il 28 settembre e alla quale il commissario non avrebbe ancora ricevuto una risposta, si chiede “quali salvaguardie l’Italia ha messo in atto per garantire che le persone eventualmente intercettate o salvate da navi italiane in acque libiche, non siano esposte al rischio di essere vittime di trattamenti e pene inumane e degradanti e alla tortura”.

Nel documento si chiedono anche informazioni sul nuovo Codice di condotta per le ong coinvolte in operazioni di salvataggio in mare, una richiesta già rivolta alle autorità italiane in una lettera adottata dalla commissione migrazioni dell’assemblea parlamentare del consiglio d’Europa e indirizzata al capo della delegazione italiana, Michele Nicoletti (Pd). Rispetto agli accordi con la Libia il commissario evidenzia che “il fatto di condurre operazioni in acque territoriali libiche non assolve il Paese dagli obblighi derivanti dalla convenzione europea dei diritti umani“. Muiznieks ricorda che la Corte di Strasburgo ha stabilito, in varie sentenze, che gli Stati membri del Consiglio d’Europa rispondono delle loro azioni come se agissero nel proprio Paese quando hanno un controllo effettivo o esercitano l’autorità su un individuo sul territorio di un altro Stato. Secondo il commissario “questo sarebbe, a suo avviso, vero per le navi italiane che intercettano e salvano migranti nelle acque libiche”.

L’Italia, da parte sua, assieme all’Organizzazione per le migrazioni (Oim) e all’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) sta fornendo “cibo, medicine e beni di emergenza” alle città libiche occidentali di Sabrata e Zuwara “per far fronte alle urgenti necessità dei migranti”. La segnalazione conferma lo stretto rapporto che l’Italia sta tenendo con il consiglio presidenziale del premier Fayez Al Sarraj il quale sta cercando di portare legalità e controllo del territorio nella zona ad ovest di Tripoli.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.